Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Riecco Medvedev: “Pronti a usare il nucleare”. Proteste in Russia, oltre 1300 arresti

L'ex presidente russo torna a minacciare l'Occidente e conferma i referendum per l'annessione
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

La Russia userà «qualsiasi arma, comprese quelle nucleari» per difendere i territori ucraini che verranno annessi tramite i referendum. Lo ha detto con chiarezza l’ex presidente e primo ministro russo Dmitry Medvedev, ora vicepresidente del Consiglio di sicurezza della Russia, che sul suo canale di Telegram ha garantito che «la protezione di tutti i territori annessi sarà aumentata notevolmente dalle forze armate russe».

Confermato, quindi, che da domani al 27 settembre «i referendum si terranno e le repubbliche del Donbass e altri territori saranno annessi in Russia», ha detto. Quindi «non solo le capacità di mobilitazione, ma anche qualsiasi arma russa, comprese le armi nucleari strategiche e le armi basate su nuovi principi, potrebbero essere utilizzate per la protezione» delle zone dell’Ucraina che diventeranno parte della Russia, ha scritto. «I vari generali idioti in pensione non hanno bisogno di spaventarci parlando di un raid della Nato in Crimea». Perché «i missili ipersonici sono in grado di raggiungere obiettivi in Europa e negli Stati Uniti molto più velocemente», ha detto e ha chiarito che «la Russia ha scelto il suo cammino e non torna indietro». Questo è quello che devono capire «l’establishment occidentale e in generale tutti i cittadini dei paesi della Nato».

 

 Scambio di prigionieri tra Ucraina e Russia. Primo passo verso lo stop al conflitto?

Ultime News

Sponsorizzato

Articoli Correlati