Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Alluvione nelle Marche, almeno 9 morti e 4 dispersi. 50 i feriti

Alluvione maltempo Marche
Quattro vittime si registrano a Ostra, una a Bettolelle di Senigallia, una a Tre Castelli e una a Barbara, dove la linea telefonica va e viene, come riferisce il sindaco Pasqualini
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Dieci morti, 50 feriti e quattro dispersi è il primo bilancio di un’alluvione che si è abbattuta in tarda serata nelle Marche dove per le intense piogge è esondato il fiume Misa in provincia di Ancona. Secondo quanto fa sapere la Protezione civile al lavoro con vigili del fuoco, polizia e Carabinieri quattro vittime si registrano a Ostra, una a Bettolelle di Senigallia, una a Tre Castelli e una a Barbara, dove sono in corso anche le ricerche dei tre dispersi. Gli altri sono in corso di identificazione

Alluvione nelle Marche, disperso anche un bambino di otto anni

Tra i dispersi ci sono due bambini, di cui uno di otto anni. La madre di quest’ultimo è stata salvata a Castelleone di Suasa dai vigili del fuoco. La donna era in auto quando è stata travolta dalla piena del fiume: scesa dalla vettura con il figlio entrambi sono stati travolti dall’acqua. I vigili del fuoco hanno rintracciato la donna aggrappata al tronco di un albero. Gli altri due dispersi si cercano nella zona di Barbara.

Le immagini mostrano auto che galleggiano e strade come fiumi. In particolare a Cantiano, dove l’acqua ha invaso diverse zone del Paese, si vedono persone immerse nell’acqua fino alla vita mentre cercano di mettersi in salvo. «Una bomba d’acqua si sta abbattendo su Cantiano. Diversi fiumi sono straripati. L’acqua ha invaso le vie centrali del Paese. Diverse zone sono già sommerse. La viabilità comunale è interrotta in diversi tratti. Chiusa la statale direzione Gubbio. Invitiamo la cittadinanza a mantenere la calma ed evitare situazioni di rischio». Così su Facebook Alessandro Piccini, sindaco di Cantiano, nel pesarese.

Le scuole di Barbara resteranno chiuse, spiega il sindaco Pasqualini, e «purtroppo anche la linea telefonica va e viene , ma se avrò altre info le comunicherò prontamente». «A Cantiano, Sassoferrato, Arcevia e Serra Sant’Abbondio la situazione è gravissima. L’esondazione del torrente Sanguerone nei pressi di Sassoferato sta generando effetti devastanti. Nell’entroterra di Pesaro-Urbino e Ancona i danni sono incalcolabili e ci si augura che non ci siano danni alle persone. Sono crollati alcuni ponti e distrutte alcune abitazioni e attività. Intere aree da ore senza corrente elettrica». Lo dichiara in una nota Marco Bentivogli, candidato per il centrosinistra nel collegio senatoriale Marche Nord (Ancona, Pesaro-Urbino).

Sondaggio

Ultime News

Sponsorizzato

Articoli Correlati