Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Procura generale di Ancona, le chat con Palamara inguaiano Lucia Musti

Lettera di Oliveri del Castillo, candidato per il Consiglio superiore
Nel corso del Plenum, il consigliere togato Nino Di Matteo ha chiesto e ottenuto il ritorno della pratica in quinta commissione. Ecco perché
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Tutto da rifare per la procura generale di Ancona, che il plenum del Csm avrebbe dovuto deliberare oggi. La pratica infatti  è tornata in quinta Commissione su richiesta del consigliere togato Nino Di Matteo per l’esame e la valutazione dell’eventuale rilevanza nella procedura di nomina delle intercettazioni di uno dei tre candidati con l’ex consigliere Luca Palamara.

Si tratta di Lucia Musti, sostituto procuratore generale a Bologna, che in quinta commissione aveva ottenuto, con due voti, la maggioranza dei consensi. Un solo voto ciascuno invece in Commissione ai suoi concorrenti, il procuratore di Arezzo Roberto Rossi e il sostituto Pg della Cassazione Corrado Mistri.

Ultime News

Sponsorizzato

Articoli Correlati