Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Il Parlamento Ue: «In Ungheria democrazia finita». Ma Lega e FdI sono contrari

"Viktor Orban è un pericolo": la relazione passa con 433 voti favorevoli, 123 contrari e 28 astenuti
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Il Parlamento europeo condanna gli «sforzi deliberati e sistematici del governo ungherese» contro i valori dell’Ue e chiede risultati per quanto riguarda la procedura collegata all’articolo 7. La mancanza di un’azione decisa da parte dell’Ue ha contribuito all’emergere di un «regime ibrido di autocrazia elettorale» in cui si tengono le elezioni ma che non rispetta gli standard democratici, affermano i deputati. La relazione adottata con 433 voti favorevoli, 123 contrari e 28 astenuti va nella direzione di quella che ha portato l’Europarlamento ad avviare la procedura legata all’articolo 7 nel 2018, facendo il punto su una situazione preoccupante in 12 aree.

Ma sul piano politico, c’è un dato altrettanto “pesante”: gli eurodeputati che, a Strasburgo, rappresentano Fratelli d’Italia e la Lega hanno votato contro la relazione che “inchioda” Viktor Orban. Con immediati riflessi in Italia: dalla vicepresidente del Senato Anna Rossomando al deputato e leader di +Europa Riccardo Magi, fino al presidente della commissione Esteri della Camera Piero Fassino, sono molti gli esponenti del centrosinistra ad additare Giorgia Meloni e Matteo Salvini per aver “deciso di seguire Orban fuori dall’Europa”. La relazione di Strasburgo comunque insiste sul fatto che l’articolo 7, paragrafo 1, non richiede l’unanimità degli Stati membri per riconoscere un grave rischio di danno ai valori dell’Ue, né per formulare raccomandazioni concrete o per fissare scadenze. Aggiunge che qualsiasi ritardo nell’applicazione della procedura dell’articolo 7 a tutela dei valori europei in Ungheria equivarrebbe a una violazione dello stato di diritto da parte del Consiglio stesso.

I deputati chiedono alla Commissione europea di utilizzare tutti i mezzi a sua disposizione e in particolare il meccanismo di condizionalità di bilancio. Sebbene i valori europei siano particolarmente minacciati dalla guerra della Russia contro l’Ucraina e dalle sue azioni ostili nei confronti dell’Ue, invitano anche la Commissione a: ritardare l’approvazione del piano di ripresa dell’ Ungheria fino a quando il Paese non si allinea alle raccomandazioni del semestre europeo e mette in atto le decisioni dei tribunali della Corte di giustizia europea e della Corte europea dei diritti dell’uomo.

Sondaggio

Ultime News

Sponsorizzato

Articoli Correlati