Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

«A Zaporizhzhya situazione tragica». Per l’Aiea è cruciale una zona di sicurezza

L'agenzia chiede di fermare «immediatamente» i bombardamenti per evitare un possibile disastro radioattivo
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

La situazione nella centrale nucleare di Zaporizhzhya è «insostenibile», nel sito sono già stati registrati «danni» (a un’unità speciale per lo stoccaggio di rifiuti radioattivi e dei combustibili nucleari «freschi»), occorre dunque istituire una zona di sicurezza e fermare «immediatamente» i bombardamenti per evitare un possibile disastro radioattivo: a una settimana dalla sua missione nella centrale ucraina, la più grande d’Europa con sei reattori, l’Aiea, l’Agenzia internazionale per l’energia atomica, ha pubblicato l’atteso rapporto su quanto rilevato nel sito. Un rapporto preoccupato che conferma come la situazione sia sull’orlo del baratro.

Zaporizhzhya, occupata dalle forze russe e scollegata dalla rete ucraina da lunedì pomeriggio, è teatro da settimane di bombardamenti di cui Russia e Ucraina si accusano a vicenda. Da mesi dunque si rischia un disastro nucleare dalle conseguenze incalcolabili. «La misura migliore per garantire la sicurezza degli impianti nucleari dell’Ucraina e della sua popolazione sarebbe che questo conflitto armato finisse ora», si legge nel documento di 52 pagine. «I bombardamenti sul sito e nell’area circostante devono cessare immediatamente per evitare di causare ulteriori danni agli impianti», ha insistito l’agenzia, sottolineando «le condizioni estremamente stressanti» in cui opera il personale ucraino, sotto il controllo dei soldati russi. Tra l’altroMosca ha accusato gli ucraini di aver bombardato di nuovo la zona. «Nelle ultime 24 ore, le forze armate ucraine hanno sparato 15 colpi di artiglieria contro la città di Energodar e sul territorio (molto vicino, ndr) della centrale nucleare di Zaporizhzhya», ha accusato il ministero della Difesa russo.

La pubblicazione del rapporto arriva il giorno dopo che l’ultimo reattore in funzione del complesso è stato spento: un elettrodotto, collegato a una vicina centrale termoelettrica, è infatti «stato deliberatamente staccato per spegnere un incendio», ha spiegato l’Aiea in un comunicato stampa. E secondo l’operatore ucraino Energoatom, l’incendio «è iniziato a causa dei bombardamenti».

Sondaggio

Ultime News

Sponsorizzato

Articoli Correlati