Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Altro che Meloni, il vento sovranista soffia forte da Oltremanica

Il caso della Tory Liz Truss, ministra degli Esteri del Regno Unito, che si è detta pronta a premere il pulsante della nucleare. «E non importa se moriranno milioni di cittadini»
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

C’è una leader che potrebbe presto ritrovarsi alla guida di uno dei principali Paesi occidentali e la cui eventuale probabile ascesa desta preoccupazioni a non finire anche nelle cancellerie europee. È sovranista, antieuropea al massimo livello, iperliberista. Atlantista sì, e anche molto radicale. Anche troppo.

No, non è Giorgia Meloni e neppure Marine LePen, che peraltro dalla leadership nel suo Paese è sempre stata tenuta a distanza da un fronte repubblicano che non si è impiccato da solo, come da noi, all’albero della purezza ideologica o di schieramento («Mai con i draghicidi!»). È Liz Truss e nessuno potrà mai rinfacciarle un passato ambiguo, antiche o sempiterne simpatie per l’estrema destra. La ministra degli Esteri del Regno Unito, ex ministra per le Pari opportunità e ancora prima del Commercio internazionale è una Tory purosangue, per la disperazione dei genitori a sinistra del Labour, sin da quando iniziò a fare politica, non ancora ventenne, nel 1994.

Mrs. Liz viene dalla culla della democrazia e alla democrazia ci tiene tanto da proclamarsi pronta a premere il pulsante della nucleare, se del caso, «e non importa se moriranno milioni di cittadini». È campagna elettorale, certo, e si sa che l’occasione si presta alle esagerazioni. Ma come reagirebbero leader e opinionisti italiani se una candidata premier tutta d’un pezzo e atlantista se ne uscisse con affermazioni come «i leader occidentali sono pronti per una guerra nucleare e competono per vedere chi sarà il primo a ricevere l’onore» di premere quel pulsante? Di sfuggita, paragonata all’ostilità antieuropea di Liz Truss la temuta Giorgia sembra una reincarnazione di Altiero Spinelli: «So che la Ue comprende solo il linguaggio della forza. Sono pronta».

Nei sondaggi Liz Truss è molto sopra Rishi Sunak nella corsa per la candidatura Tory anche se per ora molto sotto il laburista Keir Starmer nella sfida finale. Ma ha ancora 47 giorni per recuperare e se c’è una leader temibile in Europa è lei. Anche se non è mai stata iscritta al National Front.

Ultime News

Sponsorizzato

Articoli Correlati