Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Caos liste Pd. A Novara una militante storica deve lasciare il posto alla “dimaiana” Castelli

Tensioni nel collegio uninominale Piemonte 2, dove il Nazareno ha imposto il nome della viceministra dell’Economia
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Ancora tensioni nel Pd per la composizione delle liste. I mal di pancia, adesso, arrivano da Novara, dove, a sorpresa, è stata nell’uninominale per la Camera nel collegio del Piemonte 2 la viceministra dell’Economia, Laura Castelli. Ex grillina poi confluita in “Impegno civico” di Luigi Di Maio, ha “rubato” il posto a una militante storica, Milù Allegra, segretaria cittadina e consigliera comunale con record di preferenze, provocando l’imbarazzo e lo sbigottimento dei dirigenti locali, nonostante il collegio sia considerato comunque “perdente”. Allegra resta nel listino plurinominale al secondo posto, ma la decisione di cancellare il suo nome dall’uninominale è risultata indigesta ai dem novaresi, già indispettiti dalla candidatura di Federico Fornaro di Leu come capolista.

Ora tocca fare spazio a Castelli, fedelissima di Di Maio, che, dopo aver lavorato nel gruppo pentastellato al Consiglio regionale del Piemonte, nel 2013 è stata eletta per la prima volta alla Camera. Rieletta nel 2018 è arrivata al ministero dell’Economia nel primo governo di Giuseppe Conte. Ora cerca la terza riconferma con l’aiuto generoso del Pd.

Ultime News

Sponsorizzato

Articoli Correlati