Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Rider, condanna per Uber Eats. Il giudice: «Maggiori tutele contro il caldo»

Nuova ordinanza dopo il caso di Glovo a Palermo: si introduce l'obbligo di formazione sulla sicurezza al rider e sui rischi correlati all'esposizione prolungata alle ondate di calore e ai raggi solari
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Il giudice di Palermo, Giuseppe Tango, ha accolto il ricorso di urgenza presentato da un rider di Uber, Dario Distaso, assistito dai legali di Nidil Cgil Giorgia Lo Monaco, Matilde Bidetti, Carlo De Marchis Gomez, per le condizioni di lavoro durante il periodo estivo, che per il rider si traduce in lunghe ore in bici o in moto esposti al sole per effettuare le consegne a domicilio.

L’ordinanza, scaturita dalle stesse esigenze e richieste avanzate con il ricorso vinto il 3 agosto scorso da un rider palermitano di Glovo, ossia la fornitura di dispositivi di sicurezza per affrontare le alte temperature, registra elementi di novità rispetto all’ordinanza con la quale il giudice palermitano Elvira Majolino aveva disposto la fornitura di acqua, soluzione di sali minerali e protezione solare. L’elemento di novità importante è rappresentato dalla condanna per Uber-Eats a effettuare una specifica valutazione del rischio da esposizione ad ondate di calore, e delle conseguenti misure necessarie per la tutela della incolumità del rider, e alla prevenzione dei rischi lavorativi ai quali i ciclo fattorini sono esposti. «Questo significa che la portata del provvedimento, una volta modificato il documento di valutazione dei rischi dell’azienda, sarebbe ampia: investirebbe tutta la flotta di corrieri del colosso americano del delivery – dicono Andrea Gattuso, segretario generale Nidil Cgil Palermo e Fabio Pace di Nidil e Filt Cgil Palermo – oltre a questo, il giudice obbliga Uber a effettuare la formazione sulla sicurezza al rider, sui rischi correlati all’attività di consegna implicante sforzi fisici con esposizione prolungata alle ondate di calore e ai raggi solari».

Questa ordinanza, proseguono i sindacalisti della Cgil Gattuso e Pace «è l’ennesima conferma, a pochi giorni di distanza, che il testo unico sulla Sicurezza va applicato integralmente anche a lavoratori come i rider che sono inquadrati come autonomi. E va nella direzione, da sempre indicata dalla nostra organizzazione sindacale, della necessità di garantire la tutela della salute e della sicurezza a dei lavoratori che per la tipologia del lavoro svolto sono esposti a rischi molto gravi per una paga spesso misera». Inoltre, insieme alla precedente l’ordinanza, per il sindacato, obbliga a una riflessione seria sia le aziende del deliver sia la politica «impegnata nella competizione elettorale sulle condizioni di lavoro dei rider che di fatto, con pochissimi diritti e contratti precari, e pagati qualche euro a consegna, generano per le multinazionali del delivery fatturati miliardari nel nostro Paese».

Ultime News

Sponsorizzato

Articoli Correlati