Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Ora dal Pd un atto visionario: superi se stesso e lasci a Calenda le chiavi del nuovo fronte

Non sarà sufficiente mettere in piedi un campo largo che potrebbe trasformarsi in un’improbabile armata Brancaleone antipopulista. Il Pd dovrà cambiare vocabolario, simboli, orizzonti
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Avrà il Pd di Enrico Letta la forza di superare se stesso e creare un nuovo fronte repubblicano, riformista e liberal, in grado di riportare a palazzo Chigi l’agenda Draghi? E avrà Letta la generosità — e quella grandezza visionaria che hanno i veri leader — di fare un passo indietro e consegnare ad altri le chiavi di questa nuova creatura politica?

Insomma, avrà la forza di guardare la storia negli occhi e di “vivere il tempo che ci è dato vivere con tutte le sue difficoltà”, ma anche con tutte le sue opportunità, come predicava Aldo Moro? Ecco, è questa la sfida che il Partito democratico ha di fronte a sé in questi giorni. Perché una cosa è chiara: non sarà sufficiente mettere in piedi un campo largo che potrebbe trasformarsi in un’improbabile armata Brancaleone antipopulista; né basterà ospitare al Nazareno i fuoriusciti di Forza Italia. No, il Pd dovrà scommettere tutto sul proprio stesso superamento, sul suo scioglimento, sulla fondazione di un nuovo contenitore che sia in grado di parlare a chi, per mille validi motivi, per convinzioni personali e valori, non ha mai votato il centrosinistra — né mai lo farà — ma si ritrova oggi orfano di un centrodestra che ha scelto di liberarsi di Draghi e della sua anima liberale.

Il Pd dovrà cambiare vocabolario, simboli, orizzonti. E poi dovrà consegnare le chiavi di questo nuovo contenitore a Carlo Calenda, tra i pochi in grado di mettere in contatto i due universi: quello del centrodestra e quello del centrosinistra. Per qualcuno sarà un trauma, un dolore insopportabile, ma forse sarà il dolore di un parto…

Ultime News

Articoli Correlati