Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

La buona-novella secondo Renzi: «Il M5S non esiste più»

Matteo Renzi Italia viva
Per il leader di Italia viva «l’area Draghi oggi è più forte, i sovranisti sono più deboli. Anche Salvini è in difficoltà»
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

«Il centro riformista è il vero vincitore di queste elezioni». Ad affermarlo, in un’intervista a “La Repubblica“, è il leader di Italia Viva, Matteo Renzi. Il leader del Pd, Enrico Letta, rileva, deve porsi il problema: «Vuole dialogare con noi o vuole limitarsi ai grillini? Così facendo, più che al campo largo si arriva al camposanto, politicamente parlando». «Se fossi il segretario del Pd mi porrei il tema: con chi è meglio confrontarsi? In un anno, Conte è passato da fortissimo punto di riferimento progressista a scacciavoti: vivono di sondaggi e talk ma faticano a eleggere i consiglieri comunali. E molti grillini nei capannelli in Parlamento lo dicono, sono comprensibilmente preoccupati», aggiunge Renzi che per quanto riguarda un’alleanza con il Movimento 5 Stelle sottolinea: «Mettiamola così: io non metto veti. Ma loro non portano voti. E il gruppo dirigente del Pd lo sa bene».

Per quanto riguarda la possibilità di lavorare su un terzo polo, Renzi non esclude nulla: «No, tengo aperte tutte le ipotesi. Basta che abbiamo ben chiaro il quadro: l’area Draghi oggi è più forte, i sovranisti sono più deboli. E chi voleva fare le scarpe al premier, penso per primo a Conte, ma anche a Salvini, è in difficoltà. La prospettiva di una Renew Europe in versione italiana invece ora è molto concreta». Per quanto riguarda le elezioni Renzi sottolinea che «abbiamo dato un contributo importante a sindaci eletti molto bravi come Bucci a Genova e Giordani a Padova. E quando siamo andati da soli, come a Carrara con Ferri o a Verona con Tosi – sottolinea Renzi – abbiamo fatto un risultato straordinario sfiorando il ballottaggio. Oggi abbiamo 97 sindaci in Italia, e credo che in questa tornata abbiamo conquistato più consiglieri che i 5S».

Renzi: «Con Calenda siamo complementari»

«Calenda? Lascialo fare, Carlo fa così. Ma io conto i consiglieri comunali e, alla fine, a l’Aquila noi facciamo un consigliere e loro uno. Questi sono i dati» ha detto Matteo Renzi a radio Leopolda, a proposito del rapporto tra Azione e Italia viva.  Per l’area di centro «i risultati sono molto, molto buoni. Ma non di Calenda o di +Europa, di tutti. I loro risultati sono molto soddisfacenti, ma noi abbiamo più consiglieri comunali -spiega il leader di Iv-. La verità è che siamo complementari. Noi abbiamo qualche sindaco in più, loro qualche addetto stampa in più. Ma la cosa interessante in prospettiva è collaborare insieme in una Renews Europe». Renzi sottolinea ancora: «La cosa importante è che questo terzo polo esiste, che Forza Italia gradualmente farà fatica e noi riusciremo a costruire una grande esperienza tutti insieme».

Ultime News

Articoli Correlati