Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Caiazza: «Organizzazione dei referendum improvvisata. Ma è un fallimento»

Caiazza referendum
Il presidente dei penalisti italiani ammette la sconfitta, ma non si aspettava che la percentuale dell'affluenza fosse così bassa. «Non era successo neanche ai tempi di Pannella...»
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Un esito atteso ma non «con queste percentuali». Il presidente dell’Unione delle Camere penali, Gian Domenico Caiazza, commenta così, intervistato dal “Corriere della Sera”, l’esito dei 5 referendum in materia di giustizia. «Noi avvocati dell’Unione Camere Penali da subito avevamo messo in guardia, ma non con queste percentuali. È l’affluenza più bassa dei referendum sulla giustizia. Con Marco Pannella ne abbiamo fatti tanti. E li abbiamo sempre bucati per poco. Fermandoci a percentuali oltre il 40%», ricorda.

Quanto alle ragioni «la disinformazione, soprattutto da parte del servizio pubblico, è certamente un dato importante – spiega Caiazza – I cittadini sono andati, a un appuntamento di rilievo costituzionale, nella totale non conoscenza dei temi referendari. E questo è un dato da censurare. Però il fallimento a mio giudizio, è anche frutto del modo con cui è stato organizzato: estemporaneo, improvvisato», organizzato in un modo «del tutto anomalo», senza alcun coinvolgimento. «Chi ha scelto i quesiti? Con chi li ha discussi? – chiede – Per la prima volta, noi, come Camere Penali, non siamo stati consultati per un parere».

«Quando si facevano i referendum con Pannella il primo lavoro, fondamentale, era la costituzione di un comitato promotore esteso al maggior numero possibile di realtà che potessero poi essere utili a renderlo noto. Perché non puoi limitarti a dire che non c’è attenzione sui quesiti. L’attenzione politica si crea», sottolinea. «Invece è stato chiuso a un accordo a due: Radicali-Lega», e quest’ultima «lo ha poi abbandonato». Il rischio, denuncia infine il leader dei penalisti, è che «ora sarà più difficile discutere di questi temi. Questo atto politico avventato rischiamo di pagarlo carissimo».

Ultime News

Articoli Correlati