Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Ucraina, parla Zelensky: «L’operazione “speciale” di Putin è fallita»

Ucraina Zelensky Mariupol Putin
Il presidente ucraino spiega che proseguono i negoziati per l'acciaieria di Mariupol, ma evidenzia che «gli occupanti non vogliono ammettere di aver fallito»
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Proseguono «negoziati molto complicati e delicati per salvare la nostra gente di Mariúpol, dall’acciaieria Azovstal». Ad annunciarlo, in nottata, è stato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, come riporta l’Adnkronos.

Le forze armate ucraine non si fermeranno fino a quando non avranno recuperato il Donbass e le truppe russe non avranno cessato la loro offensiva nel paese, ha dichiarato inoltre Zelensky, per il quale «gli occupanti non vogliono ancora ammettere di essere in un vicolo cieco e di aver fallito la loro cosiddetta “operazione speciale”. Tutta questa brutalità degli occupanti, che l’Ucraina sta vivendo ogni giorno, porterà solo al fatto che i soldati russi sopravvissuti riporteranno il male in Russia, lo restituiranno perché si ritireranno», ha affermato il presidente ucraino. Allo stesso modo, il presidente ucraino ha ribadito che sta lavorando affinché i Paesi rafforzino le sanzioni contro la Russia. «La priorità è l’embargo petrolifero», ha sottolineato.

Nel frattempo c’è stato un cambio al vertice delle forze di difesa territoriale delle forze armate ucraine. Infatti, come riferisce l’agenzia Ukrinform Zelensky ha nominato per l’incarico il maggiore generale Ihor Tantsiura al posto di Yurii Halushkin, destituito a meno di 5 mesi dalla sua nomina, avvenuta il 1° gennaio scorso.

Ultime News

Articoli Correlati