Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Figliuolo: «Screening nelle scuole e terza dose per fermare Omicron»

Figliuolo
La strategia di Figliuolo: «Pronti a partire con tamponi di massa prima del ritorno a scuola. Il vaccino Novavax? Arma in più contro il coronavirus»
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

«Siamo pronti a vaccinare tutti i cittadini che lo vorranno e ad avviare lo screening nelle scuole. Ora più che mai dobbiamo ricordarci che il vaccino è l’unico sistema per proteggerci dal virus e dalle varianti». Così il generale Francesco Paolo Figliuolo, commissario per l’emergenza contro la pandemia, in una intervista al “Corriere della Sera“. «Aumentare il numero di persone vaccinate e che hanno ricevuto il booster ci aiuterà a consolidare la barriera costruita finora con oltre 108 milioni di somministrazioni dall’inizio della campagna vaccinale. Con l’apertura a quattro mesi, dal prossimo 10 gennaio. Considerando le dosi attualmente disponibili e quelle che verranno distribuite nel prossimo mese, si potrà soddisfare la platea di potenziali ricettori» ha aggiunto.

In merito allo screening nelle scuole ha spiegato: «Ogni Regione metterà a punto un dispositivo e grazie alla grande disponibilità del ministro alla Difesa Guerini avremo il supporto dei team e dei laboratori militari. Prima della pausa natalizia, il personale militare ha effettuato oltre 18 mila tamponi in 470 istituti scolastici».

Sull’arrivo del vaccino Novavax ha aggiunto: «È previsto l’arrivo di 2,9 milioni di dosi, con la prima consegna di circa 1,5 milioni che avverrà presumibilmente tra gennaio e febbraio». «Con Novavax che è un vaccino di tipo tradizionale che si basa sulla tecnologia delle proteine ricombinanti, già usata da decenni per altri preparati, avremo un’arma in più contro il Covid che consentirà alla campagna vaccinale di andare più spedita», ha sottolineato.

Sulle mascherine per il personale scolastico ha aggiunto: «Il governo ha stanziato 5 milioni per mascherine Ffp2 da distribuire a chi fa didattica a favore dell’infanzia e a chi è a contatto con alunni esonerati dall’obbligo di indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie»

Ultime News

Articoli Correlati