Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

In galera da innocente per 43 anni: Kevin Strickland finalmente libero

È stata la più lunga incarcerazione illecita nella storia dello Stato del Missouri
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

È stata la più lunga incarcerazione illecita nella storia dello Stato, ma secondo la legge del Missouri è improbabile che riceva alcun risarcimento finanziario. Si tratta del caso di Kevin Strickland, 62 anni, condannato ingiustamente per un triplice omicidio nel 1978, quando aveva 18 anni, e scagionato dopo 43 anni. «Non pensavo che questo giorno sarebbe arrivato», ha dichiarato l’uomo dopo il suo rilascio. Secondo i dati del National Registry of Exonerations, si tratterebbe anche della settima sentenza ingiusta più lunga riconosciuta negli Stati Uniti.
Martedì un giudice ha ordinato l’immediato rilascio del signor Strickland dalla custodia dello Stato, dopo 15.487 giorni dietro le sbarre. «Eravamo fiduciosi che qualsiasi giudice che avesse visto le prove avrebbe scoperto che il signor Strickland è innocente ed è esattamente quello che è successo – ha dichiarato il direttore legale del Midwest Innocence Project Tricia Rojo Bushnell in una nota -. Niente gli darà i 43 anni che ha perso e torna a casa in uno Stato che non gli pagherà un centesimo per il tempo che gli ha rubato. Questa non è giustizia». Secondo lo studio legale, lo Stato del Missouri risarcisce solo i prigionieri scagionati attraverso prove del Dna, non a causa di testimonianze oculari. Strickland è stato condannato all’ergastolo senza possibilità di libertà condizionale per 50 anni dopo essere stato collegato alla rapina mortale di una casa a Kansas City il 25 aprile 1978. Quella notte, quattro assalitori hanno sparato a tre persone all’interno della casa: Sherrie Black, 22, Larry Ingram, 22, e John Walker, 20. Una quarta vittima – Cynthia Douglas, 20 anni – è fuggita dopo aver finto di essere morta. Su un’intuizione del fidanzato di sua sorella, la polizia ha arrestato Strickland, allora adolescente, e poi, secondo quanto riferito, ha fatto pressioni su Douglas affinché lo identificasse.
Strickland aveva dichiarato alla polizia di rimasto a casa quella sera a guardare la televisione. Nessuna prova fisica lo ha mai collegato ai crimini. Gli altri due uomini condannati per quei delitti, Vincent Bell e Kilm Adkins, si dichiararono colpevoli nel 1979 per i loro ruoli negli omicidi. Nella sua testimonianza, il signor Bell «è rimasto irremovibile sul fatto che Strickland non fosse presente sulla scena del crimine e non abbia avuto alcun ruolo nella commissione del triplo omicidio», ha scritto il giudice.
Il suo primo processo nel 1979 si è concluso con una giuria sospesa, dopo che un giurato nero ha insistito per la sua assoluzione. Al suo secondo processo, una giuria tutta bianca ha dichiarato Strickland colpevole di un’accusa di omicidio capitale e due di omicidio di secondo grado. Ad un anno dalla condanna di Strickland, Douglas ha iniziato a rivelare a chi le era vicino di averlo erroneamente identificato tra gli aggressori. Ma è stato nel 2009, tuttavia, che ha inviato un’e-mail al Midwest Innocence Project, un’organizzazione senza scopo di lucro dedicata alle indagini e alle controversie per i condannati ingiustamente. Nella sua mail Douglas scrisse che «le cose non erano chiare allora, ma ora ne so di più e vorrei aiutare questa persona se posso». La donna è morta però prima che potesse ritrattare formalmente la sua testimonianza contro Strickland, ma sua madre, sua sorella e sua figlia hanno tutte testimoniato in tribunale che la stessa aveva indicato «l’uomo sbagliato». I pubblici ministeri della contea di Jackson hanno iniziato a riesaminare la condanna di Strickland lo scorso novembre e, in base a una nuova legge del Missouri, hanno presentato una mozione chiedendo il suo immediato esonero e rilascio.
«In queste circostanze uniche, la fiducia della Corte nella condanna di Strickland è così minata che non può reggere, e la sentenza di condanna deve essere annullata», ha scritto il giudice James Welsh nella sentenza. Rojo Bushnell, del Midwest Innocence Project, ha affermato che il processo ha «dimostrato quanto sia incredibilmente difficile per il sistema correggere un errore. Il pubblico ministero ha convenuto che Strickland è innocente e ci sono voluti ancora mesi. Non dovrebbe essere così difficile».

Ultime News

Articoli Correlati