Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Nuovi soccorsi e sbarchi di migranti in Calabria. Salvini contro Lamorgese: «Ormai sbarca chiunque»

Alarm phone ha rilanciato le richieste di aiuto di 128 persone
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Proseguono gli avvistamenti di imbarcazioni alla deriva. Alarm phone ha rilanciato le richieste di aiuto di 128 persone: prima un gommone semiaffondato con 60 migranti e dove entrava acqua; poi una barca con 68 persone, tra cui molti bimbi, «in fuga dalla Libia», in zona Sar di Malta. Hanno problemi di motore, «e affrontano forti venti e mare mosso… serve un intervento urgente».

Intanto, quarto salvataggio a bordo della “Geo Barents” di Medici senza frontiere. Soccorse 95 persone: «Stavano per essere intercettate dalla Guardia costiera libica – spiega la ong – e costrette a tornare alla violenza, agli abusi e allo sfruttamento in Libia». A bordo adesso ci sono 296 migranti. «Avvisate Lamorgese e Bruxelles che in Italia ormai sbarca chiunque», scrive il leader della Lega Matteo Salvini sui suoi profili social, commentando la notizia di nuovi sbarchi di migranti in Calabria. Il riferimento è anche ai 330 destinati a Crotone. Qui si sono concluse ieri sera le operazioni dei primi 160 giunti con l’unità navale della Guardia costiera “Dattilo”; gli altri sono stati trasportati con un pattugliatore della Marina romena di stanza al porto di Crotone, impegnato nelle attività Frontex. Si tratta di egiziani, siriani e libici. Gli sbarcati sono stati condotti nella struttura di accoglienza di Isola Capo Rizzuto.

E sempre ieri al porto di Reggio Calabria era giunto un gruppo di 56 migranti, di nazionalità afghana, pachistana ed egiziana, soccorsi al largo di Capo Spartivento.

Ultime News

Articoli Correlati