Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

L’ergastolano Papalia: «Il carcere di Parma è un esecutore di condanne a morte»

La lettera dell'ex boss calabrese, gravemente malato, per raccontare il suo calvario sanitario: «Non c’è differenza tra commettere un omicidio e chi può salvare una vita e la lascia morire cinicamente»
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Di seguito la lettera scritta dall’ergastolano Domenico Papalia ad un amico e pubblicata da Carmelo Musumeci, ex ergastolano ostativo, «per far sapere che nell’inferno delle carceri italiane si muore senza che a nessuno importi nulla».

Carissimo Francesco,
ho ritardato a rispondere alla tua lettera perché aspettavo di eseguire alcuni accertamenti strumentali per la salute e dopo aver effettuato risonanza e tac che hanno dato esito negativo per la prostata, ma alcuni noduli nelle ossa del bacino, nei reni e varie parti del corpo.
Il 27 luglio 2021 mi è stata fatta la biopsia alla prostata ordinata dall’urologo 15/02/2020 e devo darti una brutta notizia: il tumore alla prostata è maligno ed è andato in metastasi e questa è la causa dei noduli.
L’oncologo mi ha ordinato una cura provvisoria in attesa della Pet per vedere fino a che punto è la metastasi.
La Pet è fissata per ottobre, mentre qui su 4 farmaci ordinati dall’oncologo uno non ce l’hanno e la dottoressa è menefreghista e dice che non è importante.
Pensa, hanno impiegato 17 mesi a farmi la biopsia, nonostante il Psa aumentava sempre e un medico degno di questo nome mi avrebbe preso in tempo la malattia.
Invece quando andavo a evidenziare l’aumento veloce del Psa con la dottoressa, mi diceva: “Aspettiamo la biopsia che ho fatto il sollecito”.
E questo purtroppo è il risultato.
Purtroppo il carcere di Parma è un esecutore di condanne a morte, anche se si è in fin di vita non scarcerano nessuno, sono coalizzati: l’area educativa nelle relazioni mette sempre parere contrario all’esperienza extra muraria.
L’Area sanitaria mette nelle relazioni che siamo seguiti e monitorati e compatibili e la magistratura di sorveglianza rigetta tutto.
Credo che non c’è differenza di commettere un omicidio e chi può salvare una vita e la lascia morire cinicamente.
Ti prego di sentire Carmelo e Nadia, se ha voglia Carmelo di fare un articolo per fare emergere la vergogna di questo carcere e il comportamento della magistratura di sorveglianza di Reggio Emilia e il tribunale di sorveglianza di Bologna.
La settimana appena passata è venuta la mia avvocata di Perugia, avv. Daniela Pacco e sta preparando la richiesta di detenzione domiciliare, ma qui non danno nulla, la chiede per scrupolo, ma sappiamo che la risposta sarà negativa.
Se occorre a Carmelo puoi dare copia di questa tua lettera.
Scusa se in questa lettera ho parlato solo del mio problema e spero di trovarti bene.
Saluta Mita, Nadia e Carmelo.
Ti abbraccio con affettuosa stima.
Domenico Papalia

Ultime News

Articoli Correlati