Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Greco: «Davigo e i verbali? Fatto imbarazzante. Qualcuno vuole colpire la Procura di Milano»

Dopo un lungo periodo di silenzio, il procuratore di Milano Francesco Greco torna a parlare in pubblico
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

«Questa Procura ha sempre rappresentato l’indipendenza e la libertà dei magistrati. È questo simbolo che deve essere abbattuto. Io non ho mai visto una campagna mediatica quotidiana così compatta e violenta come quella che è in corso in questi mesi, utilizzando la vicenda Storari e l’assoluzione in primo grado dell’Eni». Dopo un lungo periodo di silenzio, il procuratore di Milano Francesco Greco torna a parlare in pubblico. Lo fa al Corriere della Sera, intervistato da Milena Gabanelli ed è l’occasione per tornare sulla tempesta che negli ultimi tempi ha sconvolto gli uffici giudiziari milanesi. Greco dice quindi la sua sull’affaire Amara, sui verbali in libertà, sul caso Davigo-Storari e sul mancato trasferimento di quest’ultimo da parte del Csm nonostante l’azione disciplinare promossa dall’ex pm del pool di Mani pulite. «Aver fatto uscire dal perimetro del segreto investigativo dei verbali secretati è un atto irresponsabile, tanto più per un magistrato inquirente, e ha pregiudicato le indagini», dice, prima di andare dritto al punto: «Mentre ancora c’è nebbia sul dove, quando e perché Storari e Davigo si siano scambiati sottobanco i verbali, una cosa è sicura: l’uscita era nell’interesse di Davigo che non si è preoccupato assolutamente della sorte del procedimento e quando ha lasciato il Csm quei verbali li ha abbandonati. Fatto imbarazzante».

E su Storari: «Ho sempre stimato Storari e avuto con lui un ottimo rapporto. A dimostrazione del clima di fiducia reciproca, lui stesso in una email (successiva alla consegna dei verbali) si oppone alla mia proposta di potenziare il pool investigativo asserendo di trovarsi molto bene a lavorare con la collega Pedio e con me. Quindi mai mi sarei aspettato una coltellata nella schiena. Ha tradito anche la fiducia della collega, ha messo in difficoltà tutte le Procure (Roma, Perugia, Catania, Reggio Calabria, Potenza e Firenze) con le quali collaboravamo in coordinamento investigativo… mentre i verbali “circolavano” per Roma»». 

 

 

Ultime News

Articoli Correlati