Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Crisanti: «Green pass solo dopo due dosi. Sui treni meglio la mascherina»

Il microbiologo: «Green pass per tutti i lavoratori? Non so se sia fattibile dal punto di vista giuridico, ma dal punto di vista teorico sono favorevole»
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

«Il green pass va ristretto a chi ha due dosi e il tampone molecolare, perché solo una dose o l’antigenico rendono meno sicuri gli spazi chiusi». Ne è convinto Andrea Crisanti, professore di Microbiologia all’Università di Padova, intervistato da La Stampa. Il certificato verde per il personale scolastico, universitario e gli studenti universitari «è un ulteriore passo avanti per la campagna vaccinale. L’impatto del green pass sulla trasmissione non è quantificabile, ma ne trovo positivo l’effetto sull’immunizzazione della popolazione».

Il green pass, secondo Crisanti, aumenta la sicurezza dei cittadini «indirettamente, perché spinge le persone a vaccinarsi, ma l’effetto diretto non è dimostrato. Il green pass non andrebbe dato dopo la prima dose bensì dopo la seconda, se si volesse creare anche degli ambienti sicuri oltre che indurre alla vaccinazione. E poi bisognerebbe rendersi conto che i tamponi antigenici continuano ad avere problemi di sensibilità, dunque risultano utili solo in caso di screening di massa. Continuare a dare il green pass con l’antigenico significa depotenziarlo». Resta il fatto che Crisanti ritiene inutile lo stesso certificato verde anche per i mezzi di trasporto a lunga percorrenza, in vigore da settembre. «È veramente inutile – sbotta – perché sinceramente la mascherina Ffp2 è più sicura del green pass e sarebbe molto più serio richiedere quella». Inoltre, sull’allargamento proprio del green pass a tutti i lavoratori, aggiunge: «Non so se sia fattibile dal punto di vista giuridico, ma dal punto di vista teorico sono favorevole».

Qualche dubbio resta. Gli stadi pieni al 50 per cento con posti a scacchiera la convincono? «Visto come sono andati i festeggiamenti per gli Europei già immagino i tifosi che dopo il gol restano seduti al loro posto. La credibilità di una misura – sottolinea Crisanti – si giudica dalla probabilità che venga fatta rispettare. Capisco inoltre la proposta del 50 per cento, ma non ha nessuna base scientifica». Come mai le discoteche sono le uniche a rimanere chiuse? «Il mio ragionamento è semplice: se si prendono l’onere di controllare il green pass perché penalizzarle? Anzi, un green pass plus valido solo con la seconda dose potrebbe partire proprio dalle discoteche», conclude il microbiologo.

Ultime News

Articoli Correlati