Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Mattanza a Santa Maria, Grasso: «Un sistema collaudato di violenza»

Santa Maria Capua a Vetere
L'ex presidente del Senato replica all'informativa di Cartabia: «Come è possibile che a seguito di tutto ciò il Dap e il ministero non siano intervenuti per più di un anno?»
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

«Le immagini e lo scambio di messaggi tra gli indagati denunciano non un momento di follia, ma un sistema collaudato di violenza con un suo nome in codice, la complicità e la connivenza di funzionari di ogni ordine e grado, la consapevolezza della gravità dei fatti, il tentativo di cancellare le tracce, la determinazione nel depistare le indagini, la rabbia nel non esserci riusciti. Come è possibile che a seguito di tutto ciò il Dap e il Ministero non siano intervenuti per più di un anno? Come è possibile che i principali responsabili siano rimasti al loro posto per tutto questo tempo? Gli avvisi di garanzia dell’11 giugno 2020 avrebbero dovuto consigliare, in via cautelativa, almeno il trasferimento degli indagati, che così hanno avuto la possibilità di fare pressione sui detenuti e indirettamente sui loro familiari per ritirare le denunce. Come si può far stare vittime e carnefici a convivere nella stessa comunità?», così il senatore Pietro Grasso (Leu) in risposta all’informativa della Ministra per la Giustizia, Marta Cartabia.
Conclude Grasso: «Dispiace, al di là del cambio di Governo e di ministro, che nulla sia accaduto prima dell’intervento della magistratura: avremmo tutti preferito che fossero l’Amministrazione Penitenziaria e il ministero a muoversi in anticipo e in autonomia, non con una gestione burocratica di relazioni evidentemente non corrispondenti alla realtà, che hanno portato il suo predecessore a parlare di “una doverosa azione di ripristino della legalità”. Per il rispetto che abbiamo della Legge, per l’amore che nutriamo verso i principi costituzionali, non possiamo derubricare tutto questo a un episodio, non possiamo cavarcela con la retorica delle mele marce. Siamo ancora in tempo però per intervenire, con forza. Le chiediamo di prendere i provvedimenti annunciati, giusti e severi, come previsto dalle norme e, nel contempo, di accelerare i concorsi, aumentare il numero degli agenti di Polizia penitenziaria e degli altri operatori e di migliorarne la formazione».

Ultime News

Articoli Correlati