Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Vaccino, gli avvocati siciliani tra le categorie prioritarie

La decisione dopo l’appello inoltrato dai Consigli degli ordini siciliani al governo «La Giustizia servizio pubblico essenziale»
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Gli avvocati siciliani inseriti tra le categorie a rischio con priorità nel programma di vaccinazione. È quanto ha deciso la Regione, che ha per il momento diffuso la notizia attraverso una comunicazione informale resa pubblica dal Consiglio dell’ordine degli avvocati di Palermo, ma che a breve inoltrerà un documento ufficiale a tutti i Consigli dei quattro distretti di Corte d’appello dell’Isola. A farlo sapere è il presidente del Coa di Palermo, Giovanni Immordino, che ha avuto conferma della notizia dal vicepresidente della giunta Musumeci, Gaetano Armao, e l’assessore alla Salute, Ruggero Razza, entrambi avvocati.

«Sin dall’inizio della pandemia ed anche in pieno lockdown – ha commentato Immordino -, gli avvocati siciliani hanno continuato a lavorare, per svolgere la loro funzione sociale e garantire il pieno diritto di difesa. Hanno continuato ad andare in udienza, ad incontrare i clienti, a recarsi presso le case circondariali per assistere i detenuti. Tutto questo mettendo sempre a rischio la propria salute. Ringrazio il vicepresidente della Regione Gaetano Armao e l’assessore della Salute Ruggero Razza per la sensibilità dimostrata nell’accogliere la richiesta del Consiglio dell’Ordine di inserire gli avvocati tra le categorie a rischio per il piano di vaccinazione».

La richiesta era stata avanzata da tutti i Consigli degli ordini siciliani tramite l’Unione degli ordini forensi della Sicilia, con una lettera indirizzata al presidente Mario Draghi, al ministro della Salute Roberto Speranza e alla ministra della Giustizia Marta Cartabia, nota inviata anche al Cnf, a Cassa forense e Ocf. Nella missiva era stata sottolineata la necessità, nella predisposizione del piano di vaccinazione nazionale a carattere volontario, di assicurare «una corretta ed adeguata graduazione a tutti gli operatori della giurisdizione e tra essi alla classe forense, ponendoli alla stessa stregua del personale scolastico e delle forze armate, non potendo la Giustizia tollerare ulteriori ostacoli e condizionamenti al proprio regolare e corretto funzionamento, né i cittadini ingiustificabili limitazioni ai propri diritti». La Giustizia, hanno infatti evidenziato gli avvocati siciliani, va annoverata tra i servizi pubblici essenziali, «con particolare riferimento ai provvedimenti restrittivi della libertà personale ed a quelli cautelari ed urgenti, nonché ai processi penali con imputati in stato di detenzione». E così come afferma l’articolo 24 della Costituzione, «il diritto di difesa è inviolabile in ogni stato e grado del procedimento». Durante il periodo pandemico, hanno ricordato i presidenti degli Ordini, «gli avvocati non hanno mai cessato di prestare la propria attività professionale a favore e nell’interesse della collettività e per la tutela dei diritti dei cittadini, assicurando una assidua e costante assistenza nell’effettivo esercizio della giurisdizione nelle sue più disparate declinazioni». Motivo per cui appare necessario che avvocati, magistrati e amministrativi siano equiparati alle altre categorie ritenute prioritarie.

 

Ultime News

Articoli Correlati