Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

«I contagi galoppano, lo Stato estenda la possibilità di liberazione anticipata»

La lettera dei detenuti del carcere di Torino al Dubbio
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

«Aumentano i contagi, aumenta l’angoscia, s’incrementa la rabbia e la sfiducia!». Così scrivono, in una lettera a Il Dubbio, i detenuti e le detenute del carcere di Torino, preoccupati per il Covid 19. Manifestano, soprattutto, la delusione a proposito delle misure deflattive introdotte dal governo. «Facciamo presente – denuncia la popolazione detenuta -, che qui a Torino sono state dichiarate ammissibili solo 16 istanze, soggette comunque alla discrezionalità dei magistrati di sorveglianza». Davvero poca cosa, a fronte di 1300- 1400 detenuti del carcere piemontese. Nella lettera, i reclusi sottolineano il fatto che l’articolo 30 ( la detenzione domiciliare) inserito nel decreto ristori ha creato, di fatto, delle diseguaglianze rispetto al diritto alla salute. Sì, perché vengono esclusi i condannati rientranti dei reati cosiddetti ostativi (4 bis) e anche chi ha reati minori ma una pena superiore ai 18 mesi. «Hanno meno diritti di altri?», si chiedono sempre i detenuti e detenute del carcere di Torino.

«Il sovraffollamento non si riduce – scrivono ancora nella lettera -, i contagi galoppano, queste “soluzioni” prese dallo Stato non ci bastano!». Osservano anche che il loro diritto all’affettività ne risente moltissimo durante questa seconda ondata, «pur essendo una tutela anche per i nostri cari – sottolineano i detenuti -, il blocco di colloqui e permessi grava sui nostri stati d’animo e su quello dei nostri affetti». Chiedono il rispetto della loro dignità, perché «questo sacrificio non era previsto nelle nostre sentenze» e «almeno in un momento come questo, di totale e straordinaria emergenza, ci aspettiamo l’uso della civiltà». Ma quindi cosa chiedono i detenuti e detenute del carcere di Torino? «Chiediamo la modifica dell’articolo 30 del decreto ristori, misure meno afflittive estese a tutta la popolazione detenuta». Ma soprattutto, ci tengono a sottolineare, sostengono chi protesta e sciopera pacificamente. Questo per chiedere di «aumentare la liberazione anticipata, proposta legge di Nessuno tocchi Caino e del deputato Roberto Giachetti». Un richiesta «con effetto retroattivo al 2015, anno in cui viene sospesa la liberazione anticipata speciale ed estesa a tutta la popolazione detenuta», perché il covid 19 non «chiede se hai o meno l’ostativo».

 

Ultime News

Articoli Correlati