Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Trump insiste: «Elezione rubata, questi sono ladri»

Il presidente non accetta la sconfitta e rilancia la battaglia legale contro Biden
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Il presidente Usa, Donald Trump, insiste nel sostenere che le elezioni presidenziali che hanno consegnato le chiavi della Casa Bianca al suo rivale il democratico, Joe Biden, siano state frutto di brogli. E su Twitter accusa: «Ritengo che queste persone siano ladri. Le grandi città sono corrotte. Questa è stata un’elezione rubata». E poi aggiunge: «Il miglior sondaggista britannico ha scritto stamane che questa è stata chiaramente un’elezione rubata, che è impossibile immaginare che Biden abbia superato Obama in alcuni di questi Stati». «Quel che conta è che hanno rubato dove dovevano rubare».

Trump finora ha rifiutato di accettare i risultati delle elezioni, intraprendendo una strategia legale per contestarli in tribunale e rilasciando false accuse di frode. Al momento non si prevede un suo invito a Biden allo Studio Ovale per il tradizionale incontro tra il presidente entrante e quello uscente, segno storico del pacifico trasferimento dei poteri. Gli assistenti invece stanno lavorando per creare modi in cui il presidente si senta convalidato anche in caso di sconfitta, anche attraverso più comizi.

Ma dopo aver affermato pubblicamente e falsamente di aver vinto le elezioni, fonti affermano che Trump non neghi il risultato in privato. E Jared Kushner, genero del presidente e consigliere senior che ha supervisionato la sua campagna dalla Casa Bianca, si sarebbe avvicinato a Trump per ammettere l’esito delle elezioni. Nonostante ciò, il presidente ha esortato il suo team legale a continuare a perseguire sfide legali e ha firmato la conferenza stampa che Rudy Giuliani ha tenuto sabato nel parcheggio polveroso di una società di architettura paesaggistica a Philadelphia.

Ultime News

Articoli Correlati