Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Biden, il discorso della vittoria: «Basta divisioni e toni aspri, è tempo di guarire»

La vicepresidente Kamala Harris: «Anche se posso essere la prima donna in questo ufficio non sarò l'ultima»
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

«Mi impegno a essere un presidente che non cerca di dividere, ma di unificare. Che non vede gli stati rossi e blu, ma gli Stati Uniti. E che lavorerà con tutto il cuore per conquistare la fiducia di tutto il popolo. Perché questo è ciò di cui parla l’America: le persone». Il presidente eletto Joe Biden si è rivolto a una nazione profondamente divisa, con un discorso che trova il suo senso nello spirito di compromesso, chiedendo ai sostenitori del presidente Donald Trump di dargli una possibilità e invitando tutti gli americani a voltare pagina da quella che ha descritto come una «cupa era di demonizzazione».

Biden ha pronunciato il suo discorso nella sua città natale, a Wilmington, nel Delaware, in un momento storico non solo per essere il presidente con il maggior numero di voti ricevuti – 74 milioni -, ma anche perché l’attuale occupante della Casa Bianca non ha mostrato alcuna intenzione di concedere al suo rivale la vittoria, continuando a fingere su Twitter di aver vinto le elezioni e a lanciare accuse infondate sulla frode elettorale che gliele avrebbe strappate via.
Dal palco Biden ha ripetuto la sua promessa di tentare di unire piuttosto che dividere, spiegando di aver voluto diventare presidente «per ripristinare l’anima dell’America. Per ricostruire la spina dorsale della nazione: la classe media. Per rendere di nuovo l’America rispettata nel mondo e per unirci qui a casa. È un onore per la mia vita che così tanti milioni di americani abbiano votato a favore di questa visione. E ora il compito di rendere reale questa visione è il compito del nostro tempo». Il presidente eletto ha riconosciuto come gli elettori neri lo abbiano portato al traguardo sia alle primarie sia alle elezioni generali, aumentando l’affluenza alle urne negli stati chiave del campo di battaglia.
Ma soprattutto Biden si è rivolto agli elettori di Trump. «Per tutti quelli di voi che hanno votato per il presidente Trump, capisco la delusione stasera. Ho perso un paio di volte anch’io. Ma ora, diamoci una possibilità – ha affermato -. È ora di mettere da parte la dura retorica, abbassare la temperatura, vederci di nuovo, ascoltarci di nuovo. E per fare progressi dobbiamo smettere di trattare i nostri avversari come nemici». Citando la Bibbia, Biden si è rivolto agli americani sostenendo «che per ogni cosa c’è una stagione: un tempo per costruire, un tempo per raccogliere, un tempo per seminare. E un tempo per guarire. Questo è il momento di guarire in America».
Ma è un evento storico anche perché questa elezione ha portato alla vicepresidenza, per la prima volta, una donna, Kamala Harris. Invocando l’eredità del defunto membro del Congresso georgiano John Lewis, Harris ha elogiato i sostenitori della campagna per aver ottenuto numeri record in un momento in cui «la nostra stessa democrazia era al ballottaggio in queste elezioni», e ha affermato di aver scelto speranza, scienza e verità selezionando Biden come prossimo presidente.
Ma i record di Harris sono diversi: non è solo la prima donna, ma anche la prima nera e la prima vicepresidente eletta dell’Asia meridionale. «Anche se posso essere la prima donna in questo ufficio – ha dichiarato -, non sarò l’ultima, perché ogni ragazzina che guarda stasera vede che questo è un paese di possibilità. E ai bambini del nostro paese, indipendentemente dal sesso, il nostro paese ha inviato un messaggio chiaro: sogna con ambizione, guida con convinzione e vedi te stesso in un modo in cui gli altri potrebbero non vederti, semplicemente perché non hanno mai visto prima. E ti applaudiremo in ogni fase del percorso».
Trump – che durante i festeggiamenti iniziati sabato vicino alla Casa Bianca giocava a golf in Virginia – continua intanto a spingere i suoi avvocati a perseguire le vie legali che ritarderebbero la certificazione formale dei risultati. Il capo dello staff Mark Meadows, che lavora da casa dopo essere risultato positivo al coronavirus, sabato ha discusso i prossimi passi con il team legale. Il tycoon, nello stesso giorno, ha nuovamente contestato senza fondamento le schede elettorali per corrispondenza, che hanno ribaltato in modo schiacciante le elezioni a favore di Biden, e ha ripetuto su Twitter di aver vinto le elezioni, sostenendo che «cose ​​brutte sono accadute».
«71.000.000 di voti legali. Il massimo in assoluto per un presidente in carica!», ha twittato sabato pomeriggio mentre il conteggio dei voti continuava a salire per entrambi i candidati, con Biden che ha ottenuto 74,5 milioni di voti e Trump 70,4 milioni.

Ultime News

Articoli Correlati