Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Violenza, sovraffollamento, criminalità. Quando il carcere è il simbolo del male…

Settima tappa: Napoli. Fuori le mura di Poggioreale, emblema della detenzione violenta, Roberto incontra il garante locale Pietro Ioia e Samuele Ciambriello, garante della Campania
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

«Poggioreale è un tumore, una grande scuola di criminalità». A dirlo è Pietro Ioia, da sei mesi Garante locale dei detenuti, che incontriamo davanti all’istituto penitenziario napoletano. Il carcere l’ha vissuto di persona e il suo compito – precisa – è di «vigilare». Soprattutto sulle percosse, la sanità, il sovraffollamento. Tutte quelle criticità che rendono l’istituto di Poggioreale l’emblema della detenzione violenta. Nota per essere la più affollatto d’Europa, nell’immensa struttura che si erge al centro della città sono ristrette duemila persone, divise anche in 14 per cella. Al suo interno non funziona niente: d’inverno non c’è acqua calda, e d’estate le vecchie mura del palazzo si surriscaldano creando un caldo soffocante. Più di tutto manca il principio della rieducazione, né lavoro né studio, e tutte quelle attività trattamentali che dovrebbero rendere la pena un percorso di riabilitazione. Già nel 2014 Ioia si era fatto notare per aver denunciato la “cella zero”: la stanza di Poggioreale non numerata dove secondo le testimonianze i detenuti venivano spogliati e percossi dalle guardie penitenziarie. Di queste adesso 12 ne rispondono a processo. «Qui in Campania la violenza esiste», spiega Ioia, che da ex detenuto impegnato da anni come attivista sul tema carcerario punta il dito contro le istituzioni. «Poggioreale – conclude – è un carcere che produce malavita. Lo Stato deve arrivare prima della criminalità per chi vi esce». Gli fa eco il Garante dei detenuti della regione Campania, Samuele Ciambriello, che raggiunto nel suo studio del Centro Direzionale afferma: «Occorre prima di tutto liberarsi della necessità del carcere». «Uno stato di Diritto va olte il rancore, il risentimento e la vendetta – spiega Ciambriello. Uno stato libero forte e coraggioso si occupa pure dei mafiosi: si combatte il fenomeno della criminalità anche togliendogli “manovalanza”, se i carceri miniroli non diventano piccole università di delinquenza».

 

*servizio video a cura di Lorem Ipsum

Ultime News

Articoli Correlati