Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Qualcuno sa che fine ha fatto l’App Immuni?

Il sistema di contact tracking ha fallito quasi dappertutto nel mondo democratico: se la base è volontaria non funziona, è persino banale...
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Qualcuno ha visto per caso camminare l’Immuni per le strade d’Italia? Ma come, quell’applicazione dal volto umano da scaricare sul telefonino che ci deve garantire la definitiva cacciata del Covid ( l’immunità, appunto: lo dice la parola) attraverso il controllo delle autorità sanitarie sui nostri spostamenti, congiungimenti, imboscamenti, insomma della nostra vita? Nessuna notizia?

Eppure la narrazione ufficiale era stata suadente: voi scaricate gratuitamente e volontariamente l’app securitaria e noi vi diciamo quando si avvicina l’untore. Fantastico! Già, solo che a furia di semplificare le narrazioni per il pubblico, un po’ di cose sono restate in ombra senza che nessuno facesse le domande giuste. E non mi riferisco a tutto il pur rilevante arco di questioni tecniche in senso stretto, tipo persona infetta segnalata a un metro da me ma che sta dall’altra parte del muro nell’appartamento contiguo e la app non lo capisce. No: parlo di questioni perplesse all’origine. Un primo e non irrilevante ordine di questioni riguarda la nostra privacy. So che l’argomento quando viene evocato sembra come le canzoni di Lucio Battisti: un pizzicotto al cuore per quelli di una certa età. Ma, anche se ne abbiamo fatto volontario scempio con smartphone e social, si tratta comunque di un diritto fondamentale tutelato dalla nostra Costituzione. Forse un sacrificio temporaneo si può fare a fronte dell’interesse superiore della comunità colpita da una crisi sanitaria importante, ma devono essere chiare almeno tre cose: 1) deve essere un sacrificio utile e risolutivo; 2) deve essere un sacrificio temporaneo; 3) devono essere fornite garanzie chiare sulla gestione e sulla distruzione dei dati una volta conclusa l’emergenza. Sarebbe, dunque, questo un sacrificio utile?

Gli esperti dicono che questo controllo funziona a partire dall’adesione del 60% dei cittadini, all’incirca 36 milioni di italiani. Francamente non capisco come facciano a dire che basti quella percentuale: poniamo che la rimanente parte sfuggita al controllo, 24 milioni, sia ( teoricamente, per carità) contagiata dal Covid: che succede? E sia chiaro: la logica del contact tracking volontario è la buona fede da parte dei contagiati, che dovrebbero autodenunciarsi, non degli illesi. Comunque diamo credito agli esperti e diciamo che lo screening funziona una volta agganciata quella soglia del 60%. A che punto siamo, allora? Sette giorni fa la ministra responsabile, Pisano, ha dichiarato con una qualche soddisfazione che eravamo arrivati alla ragguardevole soglia del 5,5%. “Annamo bene!!”, avrebbe detto la Sora Lella. Quando finirà la app di circolare sugli smartphone che l’hanno amorevolmente accolta non è dato di sapere. Nè viene raccontato che cosa succederà dei dati fiduciosamente consegnati dal cittadino al governo. L’app è stata prodotta da un privato, la società milanese Bending Spoons, per conto del governo italiano che resta proprietario di quei dati. Ma se quelle informazioni non servono a niente perché sono poche e male assortite, che se ne fa? La verità? Il sistema di contact tracking ha fallito quasi dappertutto nel mondo democratico: se la base è volontaria non funziona, è persino banale. Meno male che siamo quasi a luglio e magari anche il Coronavirus si è un po’ stancato.

 

Ultime News

Articoli Correlati