Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Bonafede: «Dopo mesi di blocco forzato ripartiamo con le udienze»

Il ministro della Giustizia: «Ora è importante concentrarsi sulla celerità dei tempi del processo, un’esigenza di tutti i cittadini. La legge sulla prescrizione? Mio orgoglio»
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

La pandemia di coronavirus ha «rallentato l’attività giudiziaria, ma dopo mesi in cui c’è stato il blocco forzato, ripartiamo con le udienze», e anche se «sull’organizzazione delle udienze il ministro della Giustizia non può entrare nel merito, se non a livello generale, lavoriamo però affinché l’attività giudiziaria nel Paese possa riprendere, con tutte le precauzioni, il ritorno alla normalità: i cittadini devono sapere chela pandemia non ferma la giustizia italiana». Lo ha detto il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, parlando con i giornalisti a margine della messa per le vittime della strage ferroviaria di Viareggio, di cui oggi ricorre l’undicesimo anniversario.

«Ora è importante concentrarsi sulla celerità dei tempi del processo, un’esigenza che hanno tutti i cittadini italiani, sia sul processo penale che sul processo civile poiché non basta dire che è stato superato il vecchio regime normativo della prescrizione: adesso i cittadini chiedono che ci sia un processo che abbia tempi brevi e, nei limiti del possibile certi», ha aggiunto.«C’è una riforma del processo penale che è del Parlamento – ha proseguito – e che bisogna che vada avanti con velocità poiché è una esigenza che hanno i cittadini italiani».

«Quella sulla prescrizione è una legge di cui vado orgoglioso – ha poi sottolineato -, che ho portato avanti anche insieme ai familiari delle vittime della strage di Viareggio, e che ho sempre definito legge di civiltà. La legge sulla prescrizione è stato un passo avanti per garantire la celerità nei processi».

Ultime News

Articoli Correlati