Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Quei cliché sulla Calabria non li ha inventati Easyjet ma quell’asse perverso tra toghe e giornali…

Easyjet calabria
Bufera sulla compagnia area Easyjet che dipinge la Calabria come terra di ndrangheta e terremoti. Ma quei clichè sono stati costruiti da inchieste mediatico-giudiziarie sgonfiate alle prime udienze
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

La governatrice Santelli parla di razzismo, i parlamentari – da destra a sinistra – pretendono pubbliche scuse e i social trasudano rabbia e indignazione. Insomma, la rozza campagna della compagnia area Easyjet, che ha descritto la Calabria come terra di ‘ndrangheta e terremoti, è stata crocifissa e l’azienda costretta alle scuse.
Eppure è troppo comodo prendersela solo con la compagnia area, che pure ha usato cliché davvero banali e beceri. Il fatto è che in questi anni tv, radio e giornali non hanno fatto altro che dipingere la Calabria come una terra nelle mani della ndrangheta, facendo passare il suo mare cristallino come il più inquinato d’Italia.
E non importa se la grandissima parte dei calabresi non abbiano nulla a che fare con le mafie; e né importa che le analisi delle acque di balneazione delle agenzie governative dicano da anni che il mare calabrese è “eccellente”. No, nulla di tutto questo è decisivo perché nell’immaginario collettivo – costruito con caparbietà attraverso fake e populismo mediatico-giudiziario – la Calabria è e resta “terra di ‘ndrangheta e inquinamento”.
Ma accusare Easyjet significa assolvere se stessi e chi in questi anni ha veicolato quell’immagine cupa e fasulla della Calabria. Non senza qualche tornaconto in termini di carriera e visibilità: parliamo di giornalisti che svolgono la professione limitandosi a frequentare le sale d’aspetto delle procure in attesa di qualche ordinanza da copiare e incollare. E di qualche magistrato che ha portato avanti inchieste decisamente temerarie, naufragate alla prima udienza.  “Anche se voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti”, cantava Fabrizio De Andrè.

Ultime News

Articoli Correlati