Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

“Bonafede inadeguato”. Giulia Bongiorno “sfiducia” il guardasigilli

La Lega presenta la mozione contro il ministro della Giustizia: "La sua inerzia ha generato un caos permanente e inaccettabile: a pochi giorni dalla ripresa di tutte le udienze nessuno sa se e in che modo si celebreranno"
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

«Il ministro della Giustizia Bonafede annuncia un provvedimento per permettere di riportare in carcere quelle persone detenute per reati gravi che sono state mandate ai domiciliari per l’emergenza sanitaria e il solito centrodestra presenta una mozione di sfiducia. E’ un atto irresponsabile, un messaggio molto pericoloso, proprio mentre si lavora per non fare sconti ai mafiosi». Dalle parti della Casaleggio e Associati non hanno preso decisamente bene la decisione della Lefa di presentare una mozione di sfiducia contro il Guardasigilli. «Attaccare Bonafede – spiega capogruppo del Movimento 5 Stelle al Senato Gianluca Perilli – significa attaccare il lavoro di due anni contro la corruzione, la criminalità organizzata e il voto di scambio politico-mafioso, per il rafforzamento degli strumenti di indagine e per il contrasto alla grande evasione fiscale».

Ma dalle parti di via Bellerio insistono: «La marcia indietro sulle scarcerazioni e’ solo l’ennesima dimostrazione della inadeguatezza di Bonafede che giustifica il nuovo provvedimento con la fine dell’emergenza coronavirus. Resta da chiedersi: se ci fosse una nuova ondata di contagi in autunno cosa accadrebbe? Il ministro non ha mai affrontato le problematiche del sistema penitenziario. Nelle carceri vige un’illegalità consentita: nello stesso momento in cui lo Stato vieta gli assembramenti, impone che nelle sue strutture, all’interno di ogni cella, restino confinati cinque o piu’ detenuti», replica la senatrice Giulia Bongiorno, responsabile del Dipartimento Giustizia della Lega. «Abbiamo presentato una mozione di sfiducia – spiega Bongiorno – perché oltre che inadeguato è un ministro assente – aggiunge -: non interviene quando deve. La sua inerzia ha generato un caos permanente e inaccettabile: a pochi giorni dalla ripresa di tutte le udienze nessuno sa se e in che modo si celebreranno giaccchè Bonafede si e’ limitato a delegare ogni decisione ai singoli uffici giudiziari».

Ultime News

Articoli Correlati