Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Sorbi: “Noi avvocati siamo i medici dei diritti, l’Europa ora ci tuteli”

L’appello di Francesca Sorbi, che ha parlato in qualità di capo della delegazione italiana presso il Consiglio degli Ordini Forensi Europei.
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

«Al momento siamo proiettati verso la Fase 2 cioè: la fase della ripresa delle attività scolastiche, economiche, commerciali. E, pur con tutte le cautele connesse alla battaglia contro la diffusione del virus, anche l’attività dei servizi legali deve riprendere: gli studi devono poter riaprire, ricevere i clienti e parlare con loro visto che non tutto può essere discusso a distanza», inizia così l’intervento di Francesca Sorbi, che ha parlato in qualità di capo della delegazione italiana presso il Consiglio degli Ordini Forensi Europei.

«In Italia – ha spiegato Sorbi – siamo stati fermi due mesi. In questo periodo è stato assai difficile mantenere i rapporti con i nostri assistiti, anche costoro si sono trovati a dover interrompere le loro attività. La liquidità di tutti è entrata in crisi, si tratta di una catena, non ci sono soldi perchè non si produce, non si vende, non si paga l’avvocato. L’avvocato a sua volta deve poter pagare l’affitto e i suoi dipendenti. Anche il Governo ha problemi di liquidità perchè non riesce a pagare le parcelle degli avvocati che hanno lavorato per il servizio pubblico di patrocinio a spese dello stato». «Eppure – continua Sorbi – in questo momento, ancor più che in altri, le persone hanno bisogno di consigli legali e di essere tutelate».«Solo l’avvocato può rispondere. La sua funzione è essenziale per garantire la tutela dei diritti. E’ una funzione tanto più importante quanto più critico è il momento che stiamo vivendo perchè solo attraverso la tutela dei diritti si ottiene la pace sociale ed è grazie alla pace sociale che la politica può attuare un buon governo e dare concreto seguito ai programmi per la ripresa».

«Nella fase 2 la funzione di tutela dei diritti è senz’altro pari per importanza e essenzialità alla funzione del personale sanitario. Questi ultimi curano la salute fisica come gli avvocati curano la salute giuridica ed economica dei cittadini e delle imprese che sono il motore della nostra Europa. Io credo che questo quadro sia comune a tutte l’avvocatura europea che ha bisogno di veder riconosciuto questo ruolo, l’importanza, l’essenzialità della sua funzione anche nell’epoca del Covid 19.«Se l’UE riconosce questa funzione non può non dedicare attenzioni e risorse anche all’avvocatura, così come le dedica agli operatori sanitari, prevedendo iniziative a sostegno della nostra attività, dedicando risorse dirette facilmente fruibili dagli avvocati. Io credo che questo messaggio debba essere inviato, in modo fermo e chiaro al Commissario europeo per la giustizia, Mr Didier Reynders affinchè si faccia carico della nostra richiesta di intervento presso tutta la Commissione. L’avvocatura europea è una indispensabile alleata del governo degli Stati Membri ma deve essere supportata da loro per poter svolgere la sua funzione».

Ultime News

Articoli Correlati