Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Israele, positivo il ministro Litzman: per lui il Covid-19 «è il castigo divino per l’omosessualità»

Positiva anche la moglie: in isolamento il primo ministro Netanyahu
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

«Il Coronavirus è la punizione divina per gli omosessuali». A pronunciare queste parole, poche settimane fa, era stato l’ultra-conservatore ministro israeliano della Salute Yaakov Litzman. Ed è proprio lui, oggi,  assieme alla moglie, a risultare positivo al Coronavirus. La notizia della positività risale al primo aprile ed ha spinto anche il primo ministro Benyamin Netanyahu a mettersi in quarantena per precauzione.

Litzman avrebbe ripetutamente ignorato le regole di distanziamento sociale imposte alla popolazione dal suo steso dicastero, in primo luogo per continuare a prendere parte alle riunioni du culto. Autoisolamento di 15 giorni anche per il capo del Mossad, Yossi Cohen, per il capo di Stato maggiore, Aviv Kohavi, e due altri generali.

Litzman, 71 anni, che giovedì sera stava partecipando in videoconferenza a una riunione del gabinetto relativa all’emergenza coronavirus, si trova in buona salute. Il leader del partito ultra-ortodosso sabato scorso, ovvero tre giorni dopo l’entrata in vigore delle linee guida del governo per contrastare la diffusione del virus, rifiutandosi di rimanere a casa. Lunedì, dopo la stretta alle misure del governo, che hanno imposto il divieto di preghiera di gruppo, all’interno o all’esterno, Litzman sarebbe stato visto nuovamente in una sinagoga, non lontano da casa.

 

Ultime News

Articoli Correlati