Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Kissinger: “Difendere la democrazia liberale o il mondo si incendierà”

L'ex segretario di Stato americano paragona Covid-19 alla seconda guerra mondiale: ". La sfida per i leader è gestire la crisi mentre si costruisce il futuro. Il fallimento potrebbe incendiare il mondo".
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

“L’atmosfera surreale offerta dalla pandemia di Covid-19 mi ricorda come mi sentivo quando ero giovane nell’84a divisione di fanteria durante la Battaglia del Bulge.  C’è un senso di pericolo imminente che colpisce in modo casuale e devastante”. E’ il drammatico inizio dell’articolo che  Henry Kissinger,  segretario di stato degli Stati Uniti durante le presidenze di Richard Nixon ,ha scritto nella sua rubrica pubblicata il 3 aprile sul Wall Street Journal. 

Tuttavia, ha avvertito Kissinger, c’è una differenza importante tra quel tempo lontano e il nostro: “La resistenza americana è stata poi fortificata da uno scopo nazionale. “Ora, in un paese diviso, è necessario un governo efficiente e lungimirante per superare gli ostacoli senza precedenti in termini di portata e portata globale. Il mantenimento della fiducia dei cittadini è fondamentale per la solidarietà sociale, per la pace e la stabilità internazionali”.

Per l’ex segretario di Stato americano, le nazioni vanno avanti nella convinzione che le loro istituzioni possano prevedere calamità, arrestarne l’impatto e ripristinare la stabilità. “Quando la pandemia di Covid-19 finirà, si vedrà che le istituzioni di molti paesi hanno fallito”, ha previsto.

“La realtà è che il mondo non sarà più lo stesso dopo il coronavirus. Discutere sul passato ora rende solo più difficile fare ciò che deve essere fatto “, ha aggiunto. “L’amministrazione degli Stati Uniti ha svolto un buon lavoro per prevenire una catastrofe immediata. Ma il test decisivo si giocherà sulla capacità di arginare il virus.

“Il tumulto politico ed economico che ha scatenato Covid-19 potrebbe durare per generazioni. Nessun paese, nemmeno gli Stati Uniti, può superare il virus in uno sforzo puramente nazionale. E’ indispensabile una visione e un programma di collaborazione globale. Se non lo faremo ci troveremo tutti davanti al peggio.

Prendendo esempio dallo sviluppo del Piano Marshall e del Progetto Manhattan, Kissinger ha scritto: ” Gli Stati Uniti sono obbligati a compiere grandi sforzi in tre settori . Innanzitutto, sostenere la resilienza globale alle malattie infettive. “I trionfi della scienza medica, come il vaccino contro la poliomielite e l’eradicazione del vaiolo, o l’emergente meraviglia statistico-tecnica della diagnostica medica attraverso l’intelligenza artificiale, ci hanno portato a un pericoloso compiacimento. Dobbiamo sviluppare nuove tecniche e tecnologie per il controllo delle infezioni e i programmi di vaccinazione su larga scala della popolazione”.

In secondo luogo, sottolinea, bisogna sforzarsi di guarire le ferite dell’economia globale . “I leader mondiali hanno imparato importanti lezioni dalla crisi finanziaria del 2008. L’attuale crisi economica è più complessa: la contrazione scatenata dal coronavirus è, nella sua velocità e scala globale, diversa da qualsiasi cosa mai conosciuta nella storia. E le necessarie misure di salute pubblica, come l’allontanamento sociale e la chiusura di scuole e imprese, stanno contribuendo alla sofferenza economica. I programmi dovrebbero anche cercare di migliorare gli effetti dell’imminente caos sulle popolazioni più vulnerabili del mondo.

Terzo, conclude Kissinger, i principi dell’ordine mondiale liberale devono essere salvaguardati. “Le fondamenta antiche del governo moderno fanno riferimento a città fortificate protette da potenti sovrani, a volte dispotici, a volte benevoli, ma sempre abbastanza forti da proteggere le persone da un nemico esterno. I pensatori dell’illumismo hanno riformulato questo concetto, sostenendo che lo scopo dello stato legittimo è quello di soddisfare i bisogni fondamentali delle persone: sicurezza, ordine, benessere economico e giustizia.  La pandemia ha causato un anacronismo.

“Le democrazie del mondo devono difendere e sostenere i valori dell’Illuminismo. Una rinuncia agli equilibri di potere porterebbe alla disgregazione del contratto sociale sia a livello nazionale che internazionale. Tuttavia, questa secolare questione di legittimità e potere non può essere risolta contemporaneamente allo sforzo di superare la pandemia. Tutte le parti devono svolgere un esercizio di contenimento, sia in politica nazionale che in diplomazia internazionale. Le priorità devono essere stabilite. La sfida per i leader è gestire la crisi mentre si costruisce il futuro. Il fallimento potrebbe incendiare il mondo”.

Ultime News

Articoli Correlati