Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Coronavirus, in 48 a un corteo funebre: tutti denunciati

Blitz dei carabinieri a Porto Empedocle, sventato un corteo funebre
Retata dei carabinieri fra parenti e amici di un defunto a Porto Empedocle. Hanno violato le ultime disposizioni del governo, ora dovranno vedersela con i pm di Agrigento
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Un corteo funebre, in tempi così angusti, può provocare una retata dei carabinieri. Nonostante le norme estese dall’ultimo decreto all’Italia intera vietino i funerali in tutto il Paese, era forse difficile immaginare che potesse davvero scattare una denuncia per aver dato l’ultimo saluto a un familiare. Tanto più negli angoli dell’Italia più lontani dai focolai del coronavirus.

E invece ieri pomeriggio a Porto Empedocle, nell’Agrigentino, ben 48 persone sono state denunciate dai militari dell’Arma per aver partecipato a un corteo funebre. Il delitto? Aver violato i divieti imposti dal decreto del presidente del Consiglio dei ministri. Crimine punito dall’articolo 650 del codice penale, dov’è codificato appunto il reato di inosservanza delle disposizioni delle autorità.

A segnalare la presenza del corteo per le vie cittadine in direzione del cimitero sono stati i passanti, che hanno avvertito i carabinieri. Familiari e amici del defunto, in tutto 48, appunto, sono stati identificati uno per uno e denunciati.

Adesso nei loro confronti sarà aperto un procedimento penale da parte della Procura di Agrigento per il  reato sopra ricordato. Che, com’è ormai noto, prevede l’arresto fino a 3 mesi. Al dolore per la perdita, anche il travaglio di una inevitabile condanna.

Ultime News

Articoli Correlati