Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Coronavirus, massima attenzione per chi lavora nei “front office”delle carceri

Le indicazioni per proteggersi nelle carceri, compresi istituti minorili e comunità. I visitatori dovranno essere sensibilizzati a un comportamento responsabile, dichiarando preliminarmente la propria provenienza
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Arrivano altre disposizioni urgenti per la prevenzione dal coronavirus all’interno delle carceri italiane, compresi gli istituti penitenziari minorili e le comunità. Misure che puntano molto alla prevenzione, senza intaccare le norme primarie che riguardano le concessioni dei permessi premio e altri benefici che, per ora, non sarebbero giustificate. Quindi cautela e misure per limitare e/ o proteggersi da eventuali contagi.

Le indicazioni dispongono che dovrà essere assicurata una adeguata azione di informazione sulle cautele da adottare e sulle modalità di contagio, sulla base delle indicazioni fornite dal ministero della Salute e dall’Oms, attraverso l’affissione nelle bacheche e nelle aree comuni delle sedi di avvisi ( laddove necessario plurilingua) e la diffusione dei vademecum tematici. I comandanti del Reparto e i coordinatori organizzeranno periodiche conferenze di servizio informando il personale sugli atti e disposizioni amministrative che forniscono informazioni e disposizioni in materia, ribadendo le stesse in almeno tre conferenze consecutive per rendere edotto il personale sottoposto a turnazioni. Le indicazioni del ministero puntano molto anche ai dispositivi di protezione individuale ( Dpi) per il personale che opera negli istituti penitenziari.

Particolare attenzione e scrupolo dovranno essere dedicati ai posti di servizio che per loro natura sono considerati di “Front- office”. Il personale in servizio dovrà adottare le consuete misure di sicurezza, secondo le indicazioni del medico competente. I visitatori dovranno essere sensibilizzati a un comportamento auto responsabile, dichiarando preliminarmente la propria provenienza. Qualora un visitatore dichiari di provenire o aver soggiornato negli ultimi 14 giorni in territori nazionali sottoposti a misure di quarantena e di aver avuto contatti con persone affette dal virus, dovrà essere interdetto l’ingresso nei servizi dell’Amministrazione, con invito al visitatore a comunicare la propria situazione alle Autorità competenti.

Per quanto riguarda le collaborazioni con le comunità del privato sociale, i responsabili delle comunità dovranno essere invitati a prendere immediato contatto con le competenti autorità sanitarie per l’adozione delle opportune misure di prevenzione e protezione. I responsabili delle comunità dovranno assicurare ampia informazione al proprio personale sulle disposizioni impartite dalle Autorità sanitarie e amministrative e sulle misure di prevenzione e protezione adottate; dovranno altresì assicurare ai giovani ospiti una puntuale informazione sulle misure di igiene e prevenzione previste dalle indicazioni diffuse dal ministero della Salute e dall’Organizzazione mondiale della Sanità. Laddove se ne presentasse l’esigenza, sempre secondo le indicazioni del ministero della giustizia, gli eventuali trasferimenti intracomunitari di minori/ giovani adulti dovranno essere valutati sulla base delle disposizioni impartite dalle ordinanze operanti nei territori ove sono ubicate le strutture di partenza e di destinazione.

Particolare attenzione dovrà essere dedicata al controllo sui detenuti che hanno accesso dall’esterno ( i cosiddetti nuovi giunti): per costoro, secondo le indicazioni, sarà opportuno eseguire uno specifico preliminare monitoraggio. Sono indicate anche disposizioni per quanto riguarda le traduzioni dei detenuti: gli automezzi dovranno essere abbondantemente areati prima di iniziare il viaggio. Qualora prescritto dall’autorità sanitaria competente o dal medico competente, gli automezzi dovranno essere sempre sottoposti a disinfezione mediante disinfettanti e detergenti sanitari. Ogni automezzo dovrà essere dotato dei Dpi per il personale di scorta e di un kit di disinfezione sanitario per uso esterno delle mani e di confezioni di fazzoletti di carta monouso.

 

Ultime News

Articoli Correlati