Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

“Non oltraggiò il giudice”. Assolto l’avvocato Valori dopo 5 anni di processi

Il legale chiese di verbalizzare le dichiarazioni di un tesimone, ma la giudice "non la prese bene"
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Sette anni sotto processo, solo per aver chiesto al giudice di verbalizzare una testimonianza. Si è conclusa solo due giorni fa una vicenda iniziata nel 2012, quando l’avvocato maceratese Federico Valori è finito a processo con l’accusa di oltraggio al giudice nel corso dell’udienza. Valori è stato assolto perché il fatto non sussiste, ma in primo grado era stato condannato a un anno e quattro mesi, più 5mila euro di risarcimento del danno, dal tribunale de L’Aquila, competente per i procedimenti che coinvolgono magistrati delle Marche.

A portare il legale in aula nelle vesti di imputato è stata la frase rivolta al giudice di pace di Macerata Maria Carmina La Iacona: nel corso di un’udienza, Valori aveva sottolineato che «il giudice non sta facendo il proprio dovere», dopo aver più volte chiesto di verbalizzare le parole di un testimone, importanti, secondo il legale, per la difesa del suo cliente. Non bastava, dunque, per Valori il semplice riassunto delle sue dichiarazioni: per “risolvere” quel caso era necessario che sul verbale venissero riportate le esatte parole del testimone, senza tralasciare nulla. Una richiesta che non era stata accolta, provocando, dunque, dopo varie insistenze, la reazione dell’avvocato.«Stavo difendendo una cliente – aveva raccontato Valori a “Cronache maceratesi” -, ho fatto ciò che mi è stato insegnato da mio padre quando si sente un testimone e il giudice fa la verbalizzazione sintetica.

Ho detto che verbalizzando mi sarei trovato impedito nella difesa della mia cliente, perché il testimone aveva reso dichiarazioni contraddittorie con cui, se verbalizzate, avrei potuto dimostrare che stava mentendo».Il giudice, per tre volte, ha ribadito che la verbalizzazione sarebbe avvenuta in forma sintetica, per poi disporre la sospensione del procedimento. A quel punto, dunque, Valori ha proferito la frase incriminata, che lo ha fatto finire a processo. «Per me non è oltraggio una critica fatta nell’esercizio della mia professione – aveva aggiunto -. Quello che facciamo è previsto dalla Costituzione: esercitiamo il diritto di difesa».

Ultime News

Articoli Correlati