Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Assolto l’oste che sparò e uccise un ladro. Non fu eccesso di legittima difesa

La procura aveva chiesto tre anni di carcere. Salvini esulta: "Grazie alla nostra legge la difesa è sempre legittima"
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Il tribunale di Lodi ha assolto Mario Cattaneo, l’oste di Casaletto Lodigiano che il 10 marzo 2017 sparò dal suo fucile un colpo che uccise Petre Ungureanu, 32 anni, entrato nella sua trattoria con dei complici per rubare.

L’uomo è stato assolto in primo grado dall’accusa di eccesso colposo di legittima difesa, per cui il pm aveva chiesto una condanna a tre anni di reclusione perchè «Cattaneo ha agito in legittima difesa, ma ha ecceduto nei limiti. È stato lui a mettersi in una situazione di pericolo sfondando la porta bloccata dai ladri».

Immediato è arrivato il commento di Matteo Salvini:  «Siamo alla follia, tre anni di galera per un ristoratore che ha difeso la sua famiglia dall’assalto dei rapinatori. La difesa è sempre legittima», poi ha aggiunto, «Grazie alla nuova legge sulla legittima difesa voluta dalla Lega il ristoratore Mario Cattaneo, per cui erano stati chiesti tre anni di carcere per aver ucciso un rapinatore nel suo locale, è stato assolto».

Ultime News

Articoli Correlati