Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Il discorso del Presidente, le reazioni del centrodestra

Il richiamo al senso di responsabilità di Sergio Matterella. Ma il centrodestra si divide. Meloni approva, Salvini: «Pilatesco»
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

«Un discorso augurale, quello del presidente della Repubblica, capace di cogliere gli elementi di positività nella realtà del nostro Paese e le ragioni per stare uniti al di là delle contrapposizioni politiche e per guardare con ottimismo, nonostante tutto, al domani. È quanto dovrebbe saper fare la politica, in Italia troppo spesso avvelenata dallo scontro fra fazioni e dal linguaggio dell’odio e del disfattismo».

Inizia così la dichiarazione di Silvio Berlusconi, il quale ha detto di aver «apprezzato il riferimento del capo dello Stato alla famiglia e alla sua funzione essenziale in questa società frammentata e il riferimento alle Forze armate, alle donne e agli uomini in divisa che, a rischio della vita, ogni giorno tutelano la nostra sicurezza, la nostra dignità e la nostra libertà».

Giorgia Meloni ha detto di aver gradito il «forte richiamo all’identità italiana, centralità della famiglia, crescita dell’Italia da nord a sud, orgoglio per i tanti esempi positivi che ci vengono dai nostri concittadini».

Un bel discorso da Ponzio Pilato. Così è stato accolto in casa Lega il messaggio di fine anno di Sergio Mattarella. Unico leader politico a non applaudire al discorso del capo dello Stato, Matteo Salvini, nel suo commento fatto trapelare alla stampa e nella diretta Facebook successiva, non ha mai nominato il presidente della Repubblica.

«Magari» le mie «sono parole scomode», magari a Capodanno «bisogna fare discorsi più melliflui, più incolori, più indolori, più insapori – ha però lamentato – ma o facciamo in fretta o questo Paese di spegne, o facciamo in fretta ad aiutare le famiglie a costruirsi un futuro e i giovani ad avere un lavoro stabile o fra 30 anni il discorso di Capodanno lo farà qualcuno che vive in un Paese desertificato».

Nessuna citazione diretta all’inquilino del Colle ma il riferimento è evidente..

Nella fase critica della caduta del governo M5s-Lega e della formazione del Conte II con nuova maggioranza senza il Carroccio, tra fine agosto e settembre, il capo di via Bellerio è arrivato a criticare anche aspramente la scelta del Quirinale di tentare la formazione di un nuovo esecutivo e di non mandare il Paese al voto.

 

Ultime News

Articoli Correlati