Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Rebibbia, la denuncia: i colloqui si svolgono all’aperto

Gabriella Stramaccioni Rebibbia
I reclusi denunciano la situazione. I parenti costretti ad attendere in strada il proprio turno prima di incontrare il congiunto sotto un gazebo. Il garante del Lazio ha segnalato da tempo il problema
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

All’aperto, in balia delle intemperie e al freddo, con dei gazebo adibiti per permettere i colloqui con i familiari. Una denuncia che arriva direttamente dai reclusi della casa di reclusione di Rebibbia. Accade così che la pena si estende anche ai familiari dei detenuti, soprattutto a rimetterci sono gli anziani e i bambini che a volte – sempre secondo quanto denunciano i reclusi tramite una lettera- sono costretti a rinunciare al colloquio per l’impossibilità di avere un riparo dal freddo, dalla pioggia, o dall’umidità.

Nel passato c’era una saletta interna adibita ai colloqui, ma risulta non a norma e quindi impraticabile. Eppure, nella recente riforma dell’ordinamento penitenziario, modificando l’art. 18 dell’Ordinamento si introduce un’attenzione particolare ai locali destinati ai colloqui con i familiari che devono favorire, “ove possibile, una dimensione riservata del colloquio”. Rebibbia non solo ne è carente, ma c’è anche il problema della mancanza di un altro spazio importante per le relazioni con la famiglia sono le sale d’attesa, dove i familiari attendono, in alcuni casi anche ore, prima di espletare le pratiche necessarie per poter poi svolgere i colloqui con i propri congiunti.

Ciò significa che i familiari, prevalentemente donne con bambini o genitori più o meno anziani, sono costretti ad aspettare in strada il proprio turno. Altro motivo per il quale i colloqui si riducono.

I detenuti del carcere di Rebibbia chiedono che la direzione predisponga dei locali idonei all’interno delle mura, per poter usufruire dell’incontro con i familiari in maniera serena, così come appunto è regolato dall’ordinamento penitenziario. Il garante dei detenuti della regione Lazio Stefano Anastasìa è a conoscenza del problema e segnalato a tempo debito all’amministrazione, la quale sta provvedendo per risolvere questo problema.

Ricordiamo che la casa di reclusione di Rebibbia è un istituto costruito negli anni ’ 50, a regime di custodia aperta. Si articola in 6 sezioni: due sezioni destinate a detenuti comuni di media sicurezza, una sezione per “minorati psichici”, un’altra sezione per collaboratori di giustizia, attualmente in ristrutturazione, la sezione appena ristrutturata, attualmente destinata ai collaboratori e la sezione per detenuti in regime di semilibertà.

 

Ultime News

Articoli Correlati