Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Radio Radicale proseguirà il servizio

Il sottosegretario all'Editoria Andrea Martella ha annunciato ieri che "fino a quando non si svolgerà la gara d'appalto Radio Radicale potrà erogare il servizio
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

“Radio Radicale proseguirà nel servizio fino all’espletamento di una gara ed è confermato lo stanziamento di 8 milioni l’anno. Questa è l’intesa che entra nella manovra”: così ha chiarito nella tarda serata di ieri il sottosegretario all’Editoria Andrea Martella. La gara, ricordiamo, era stata sempre chiesta dalla Radio. “Fino a quando non si svolgerà la gara d’appalto – ha ribadito Martella- Radio Radicale potrà erogare il servizio. La gara sarà fatta in tempi rapidi, sicuramente entro la prima parte dell’anno”.  Di altro tono il Ministro Di Maio: “finalmente Radio Radicale conoscerà il libero mercato e le sue regole, come tutti i privati che non ricevono soldi pubblici. Non ci sono più 24 milioni di mangiatoia pubblica”. Dunque il nodo della manovra sulla emittente radiofonica si è sciolto ieri intorno alle 22:30 dopo che la questione aveva tenuto banco per tutta la giornata. Tutto era partito dalle dichiarazioni dello stesso Di Maio, ossessionato evidentemente da Radio Radicale, voce del Parlamento: “Ci sono di nuovo 8 milioni di euro all’anno per 3 anni a Radio Radicale. Ma diamoli ai terremotati”. Addirittura sul Blog delle Stelle il finanziamento alla radio nata grazie a Marco Pannella era stato definito una ‘porcata’. Per qualche ora il destino di Radio Radicale è tornato a dividere il governo: dopo gli scontri in commissione tra gli alleati della vecchia coalizione, il futuro dell’emittente ha agitato ieri Movimento 5 Stelle e partito democratico. Non si era lasciata attendere infatti la risposta del Pd tramite vari esponenti: per la sottosegretaria al Mise Alessia Morani “i fondi per Radio Radicale non si toccano”. Per il senatore Roberto Rampi le dichiarazioni di Di Maio “sono vergognose. I temi vanno affrontati con serietà e non si mischiano quelli del diritto alla conoscenza e del pluralismo dell’informazione a quelli della vita e della sofferenza di persone come i terremotati”. Lapidario il dem Marcucci: “Radio Radicale è viva, il M5S, che voleva chiuderla, ha già perso. Il ministro Di Maio se ne faccia una ragione”. “Vedo rispuntare il riflesso pavloviano vs Radio Radicale in casa M5S – aveva commentato il deputato dem Filippo Sensi -. Si tratta di democrazia, di pluralismo e diritto all’informazione. Abbiamo vinto questa battaglia quando eravamo all’opposizione; non vorrei tornare a combatterla adesso che siamo maggioranza. Abbiamo già dato”. Anche dalle opposizioni avevano criticato l’uscita del capo politico pentastellato: per Anna Maria Bernini, presidente dei senatori di Forza Italia, “che nel giorno dell’anniversario del sisma in Umbria Di Maio proponga di destinare quei fondi ai terremotati, dopo che i governi di cui fa parte non hanno fatto nulla per la ricostruzione, è semplicemente sciacallaggio politico”. Per Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, segretario generale e presidente della Fnsi “l’ennesima sortita” di Di Maio “è un attacco all’articolo 21 della Costituzione, la cui importanza è stata sottolineata più volte dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella”. Questo tema sarà sicuramente all’ordine del giorno del nono congresso degli iscritti italiani al Partito Radicale che si apre oggi a Napoli per concludersi il 2 novembre. Un’altra questione affrontata sarà quella della giustizia: dalle ultime decisioni in materia di ergastolo alla legge che blocca la prescrizione.

Ultime News

Articoli Correlati