Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

La Ocean Viking va a Lampedusa

Il 10% dei migranti rimarrà in Italia, gli altri verranno redistribuiti in Europa
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Finalmente è finito il calvario dei migranti della Ocean Viking, in attesa da sei giorni di un luogo di sbarco. Le autorita’ italiane hanno assegnato un porto sicuro a Lampedusa.

Si sta valutando ora se farla entrare direttamente nel porto dell’isola o se fare il trasbordo dei migranti su motovedette della Guardia Costiera. Le ong che gestiscono l’imbarcazione di soccorso, Medici senza frontiere e Sos Mediterranee, hanno espresso “sollievo” per il sospirato via libera del Viminale dove c’e’ ora un nuovo ministro, Luciana Lamorgese. “La Ocean Viking ha appena ricevuto istruzioni dal Centro di coordinamento del soccorso marittimo di Roma di procedere a Lampedusa, designata come Luogo di sicurezza per gli 82 sopravvissuti salvati in due operazioni Sar” l’8 settembre, ha twittato Sos Mediterrane’e. “Por fin”, finalmente, ha esultato un’altra ong, Open Arms.

“C’e’ voluto un po’, ma finalmente alla Ocean Viking e’ stato assegnato un porto sicuro. Piccoli segnali di discontinuita’”, ha commentato Matteo Orfini, ex presidente del Pd. Giovedi’ scorso una donna incinta di nove mesi e suo marito erano stati evacuati verso Malta dopo che la donna aveva sviluppato “gravi complicanze”. La decisione dello sbarco arriva dopo la visita del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, a Bruxelles e l’annuncio della “grande disponibilita’ a trovare subito un accordo, ancorche’ temporaneo” per la gestione dei migranti soccorsi nel Mediterraneo. Il giorno dopo, la Commissione europea ha annunciato un “accordo per la ripartizione” delle persone a bordo della Ocean Viking tra alcuni Paesi dell’Ue che si sono offerti. Nel frattempo, nel piano a lungo termine, la Germania si dice pronta ad accogliere un quarto dei migranti salvati nel Mediterraneo e approdati in Italia.

Lo ha confermato ieri il ministro dell’Interno tedesco Horst Seehofer in un’intervista alla Sueddeutsche Zeitung, spiegando che un’analoga disponibilita’ e’ stata manifestata dalla Francia. Questa proposta per una soluzione temporanea della suddivisione dei migranti fra i Paesi europei verra’ presentata, a detta della SZ, al vertice dei ministri degli Interni dell’Ue fissata per il 23 settembre a Malta per essere esposta ufficialmente al Consiglio europeo di ottobre. A Italia, Francia, Germania e Malta che sono intenti a fissare un primo e provvisorio regolamento per la suddivisione delle quote, dovrebbero seguire altri Paesi, afferma il ministro dell’Interno del governo di Angela Merkel. “La nostra aspettativa – ha spiegato Seehofer – e’ che altri Stati si aggiungeranno”. Stando ai dati del ministero federale dell’Interno, negli scorsi dodici mesi sono stati 561 i profughi salvati nel Mediterraneo che sono giunti in Germania passando dall’Italia, un quarto di quelli soccorsi.

Ultime News

Articoli Correlati