Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Eutanasia, ora è scontro sui manifesti tra i “Pro vita” e la dem Cirinnà

La senatrice del Pd contro I manifesti dell’associazione cattolica: «sono solo falsità su temi delicatissimi»
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Cirinnà, perché vuole censurarci? Noi vorremmo essere liberi di vivere fino alla fine senza soffrire».

Inzia così la lettera che l’associazione “Pro Vita & Famiglia” ha inviato alla senatrice dem Monica Cirinnà “colpevole” di aver criticato la campagna contro l’Eutanasia promossa proprio da Provita: «Mentre si avvicina la scadenza del 24 settembre, data in cui la Corte Costituzionale sarà chiamata a decidere definitivamente in materia di aiuto a morire con dignità – scrive Cirinnà -, Roma e molte altre città italiane sono tappezzate di cartelloni, alcuni anonimi e altri firmati da Provita, contenenti falsità mistificatorie su un tema invece delicatissimo e che richiederebbe una riflessione ben più ponderata».

«Le indicazioni fornite dalla Corte Costituzionale sono molto chiare», osserva: «Riguardano il diritto a morire con dignità per malati che già si trovino in condizioni gravissime. Un diritto che deve essere garantito, assicurando l’opportuno bilanciamento con la tutela della vita e la protezione delle persone vulnerabili, nel quadro della salvaguardia delle relazioni affettive e di cura e, soprattutto, assicurando un adeguato controllo medico. Chi afferma che, approvando la legge sull’aiuto a morire, si autorizzerà la soppressione indiscriminata di persone malate, magari per contenere i costi del Servizio sanitario, non solo dimostra di non conoscere la Costituzione e il diritto, ma afferma falsità e punta sulla mistificazione per inquinare un dibattito delicatissimo».

«Sensibilizzare la società su questo tema per noi significa proprio ricordare a tutti che il diritto alla vita è il faro della nostra civiltà. Il suicidio non è mai stato riconosciuto», replica provita.

 

Ultime News

Articoli Correlati