Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

I cambiamenti politici dovrebbe passare attraverso dei veri congressi dei partiti

Le svolte politiche e i mutamenti di alleanze sono naturali in un sistema a base proporzionale
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

 

“Il Dubbio” si conferma un luogo di confronto dialettico nell’attuale situazione politica. Ho particolarmente apprezzato gli interventi di Pino Pisicchio e l’intervista a Biagio de Giovanni. Entrambi analizzano in modo chiaro il punto nodale della legittimazione del Parlamento a variare la maggioranza, evidenziando l’assenza di partiti politici strutturati secondo il modello costituzionale previsto dall’art. 49 e la connessa crisi delle culture politiche. Oggi il Parlamento è il luogo dove tutto è possibile e dove l’unico limite è dato dall’aritmetica dei “numeri magici” che garantiscono la maggioranza giorno per giorno.

È evidente che questo tipo di logica trova una sua giustificazione autonoma nel sistema istituzionale, secondo cui il Parlamento è espressione della volontà popolare manifestata al momento delle elezioni, ma confligge in modo clamoroso con il sentimento popolare e con le regole della democrazia parlamentare moderna, che prevede che vi sia un filo diretto tra Popolo, Parlamento e Governo. Questa linea di connessione sono stati, per la Prima Repubblica, i partiti, che vedevano milioni di persone tra i loro iscritti, partecipare con “metodo democratico” alla determinazione della politica nazionale. Certo, c’erano le patologie del “centralismo democratico” del Pci e i tesseramenti anomali dei partiti di governo, legati spesso al voto di scambio. Eppure i grandi cambiamenti della politica italiana non furono mai decisi con manovre di palazzo o con frettolosi voti di direzioni agostane, ma partoriti con accessi dibattiti e congressi che coinvolsero nelle loro varie fasi, l’intera base dei militanti, allora amplissima.

Basti pensare ai congressi della Dc del 1963, che aprì al centrosinistra grazie a Moro e a quello del 1979 che chiuse l’esperienza della Solidarietà Nazionale con il “Preambolo” a firma di Donat Cattin oppure al congresso all’albergo Midas di Roma che portò Craxi alla guida del Psi.

Le svolte politiche e i mutamenti di alleanze sono naturali in un sistema a base proporzionale quale è quello tuttora in vigore, che rende inevitabili le coalizioni.

È però del tutto innaturale che le inversioni a U della politica nazionale siano decise in fretta e furia con il Paese in vacanza da pochissime persone, senza alcuna preventiva delega o consenso delle loro stesse basi elettorali.

Il voto degli iscritti a un partito non può essere una ratifica formale, a cose fatte, di decisioni palatine, ma deve essere preventivo e vincolante.

Non si tratta di consultazioni interne, perché l’art. 49 della Costituzione individua nei partiti politici e non nei loro leader nominati lo strumento di partecipazione dei cittadini per “determinare la politica nazionale”.

Ciò detto mi chiedo quanto sia “democratico” nel metodo uno statuto che affidi a una società commerciale la gestione di una piattaforma informatica di decisioni politiche; ma mi chiedo anche perché gli iscritti al Pd, chiamati spesso a votare sulle persone con l’americanata delle primarie, non siano stati consultati sulla scelta di andare al Governo con un avversario politico.

Si può presumere che gli iscritti a un partito abbiano tutto da guadagnare dalla partecipazione del loro partito alla maggioranza; ma non è scontato.

Infatti la Spd tedesca prima di confermare la Grande Coalizione con la Merkel è passata attraverso una votazione interna il cui esito è stato a lungo incerto e risicato nei numeri.

Nessuno si è sognato di ridurre la votazione interna alla Spd ad una questione interna o a una semplice formalità. Anche perché in Germania, come in quasi tutti i Paesi europei, i congressi di partito si fanno con Statuti seri e alla presenza di notai, con chiarezza e trasparenza sulla partecipazione degli iscritti.

Certo ogni sistema ha qualche inconveniente; infatti qualche centinaia di migliaia di iscritti al Partito Conservatore ha consentito a Boris Johnson di diventare Premier e chiudere il Parlamento per un mese.

Ma meglio questo, che la riapertura agostana del Senato in base a decisioni prese sulla battigia e a Governi decisi nelle segrete istanze, con il popolo contumace per ferie.

* avvocato

 

Ultime News

Articoli Correlati