Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Omicidio Cerciello Rega: i legali di Elder attaccano, «Ancora troppe ombre»

L’Arma ribadisce che il collega di Cerciello Rega, Andrea Varriale, quella notte era armato, contrariamente alla vittima
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto ieri mattina al Quirinale, accompagnati dal comandante generale dell’Arma dei Carabinieri, Giovanni Nistri, la mamma, la moglie, il fratello e la sorella del vice brigadiere dei carabinieri, Mario Cerciello Rega, ucciso nella notte tra giovedì e venerdì scorsi a Roma.

E intanto proseguono le indagini per accertare l’esatta dinamica di quella notte. L’Arma ribadisce che il collega di Cerciello Rega, Andrea Varriale, quella notte era armato, contrariamente alla vittima. Mentre i consulenti americani della difesa di Finnegan Lee Elder, il giovane californiano accusato di aver accoltellato il vicebrigadiere, sollevano dubbi sulle indagini. «Troppe lacune, vogliamo le risposte» , affermano.

Per Craig Peters, «in mancanza di una reiterazione della confessione di Finnegan di fronte al Gip, è azzardato dare per scontata la sua piena colpevolezza» e parla di esiti «troppo frammentari» in merito ai risultati dell’autopsia sul corpo di Cerciello. Ciò che lascia anche perplessi i legali statunitensi è anche la mancanza delle immagini dell’accoltellamento sul luogo dell’omicidio del vicebrigadiere, che impedirebbe di fornire al momento un’esatta dinamica su quanto è accaduto: «Elder e Hjorth sono stati ripresi da diversi video di sorveglianza in strada, ma la telecamera sul luogo dell’omicidio ( in via Pietro Cossa, nel quartiere Prati – ndr) non funzionava», spiegano.

Lo stesso Peters si dice «convinto a questo punto che ci siano buone possibilità che chi indaga non sappia cosa è successo». Ethan Elder è tornato per la seconda volta a Regina Coeli, dove ha avuto un secondo colloquio con il figlio in carcere a distanza di un giorno, così come il papà del secondo giovane californiano coinvolto, Christian Gabriel Natale Hjorthl, protagonista della foto che lo ritrae bendato nella caserma dei carabinieri dopo l’arresto.

 

Ultime News

Articoli Correlati