Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Uccide la moglie in casa e poi va a lavorare. A dare l’allarme la figlia

Tragedia a Cisterna di Latina
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Ha colpito la moglie Elisa Ciotti con un martello più volte con violenza, fino ad ucciderla, dopo l’ennesima lite. Poi è andato a lavorare per crearsi un alibi, lasciando da sola in casa la figlia di 10 anni, che ha trovato la madre in una pozza di sangue e ha dato l’allarme.

Ha confessato dopo quattro ore di interrogatorio Fabio Trabacchin, crollato sotto le domande del pm Andrea D’Angeli, che subito aveva concentrato le indagini su di lui. Tutto è accaduto durante la notte, quando, dopo l’ennesima violenta lite, l’uomo ha colpito la donna con un martello alla testa, per poi disfarsene.

La coppia si stava separando ma i due vivevano ancora insieme. Alle 4 del mattino è scoppiato l’ennesimo litigio, durante il quale l’uomo avrebbe a morte la moglie. Poi, alle 7 del mattino, è uscito di casa per andare al lavoro con un collega camionista, come ogni giorno. La figlia di 10 anni ha dunque trovato la madre a letto, ormai morta, e ha chiamato il padre, dando l’allarme. «È successa una cosa a mamma», ha detto la piccola.

L’uomo ha così telefonato al fratello, chiedendogli di passare da casa ed è poi tornato a sua volta alla villetta, facendosi vedere da medici e carabinieri sconvolto. I militari, giunti sul posto, hanno trovato il corpo della vittima e la bambina sotto choc. I sospetti si sono subito concentrati sul marito della donna: i vicini hanno confermato di aver sentito all’alba forti urla provenire dalla casa della coppia. La donna era stata massacrata di botte ed è stata trovata col volto completamente tumefatto e profonde ferite alla testa.

 

Ultime News

Articoli Correlati