Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

«Julian Assange vittima di tortura piscologica»

Nils Melzer, esperto delle Nazioni Unite sulla tortura e altri trattamenti crudeli, inumani o degradanti, il 9 maggio ha visitato Julian Assange nel carcere britannico di Belmarsh
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Il fondatore di Wikileaks, Julian Assange, presenta «sintomi di tortura psicologica prolungata» e non va estradato negli Usa.

È quanto denuncia Nils Melzer, esperto delle Nazioni Unite sulla tortura e altri trattamenti crudeli, inumani o degradanti, che il 9 maggio ha visitato il giornalista 47enne nel carcere britannico di Belmarsh, dove sta scontando una pena di 50 settimane per aver violato le condizioni di libertà vigilata ed essersi rifugiato nell’ambasciata dell’Ecuador.

«Oltre ai problemi fisici, Assange ha mostrato tutti i sintomi tipici di un’esposizione prolungata alla tortura psicologica, tra cui lo stress estremo, l’ansia cronica e un intenso trauma psicologico». Le prove, ha aggiunto, sono «schiaccianti e chiare». Accompagnato da due medici, Melzer ha scoperto che è «ovvio» che il contesto «estremamente ostile e arbitrario» contro Assange ha finito per influenzarlo.

«Assange», ha dichiarato, «è stato esposto deliberatamente e per diversi anni a forme gravi di pene o trattamenti crudeli, disumani o degradanti, i cui effetti cumulativi non possono essere descritti altrimenti che come tortura psicologica». Sebbene non sia isolato, l’esperto ha espresso preoccupazione per i limiti dei suoi incontri con gli avvocati e per la mancanza di accesso a documenti che sarebbero stati fondamentali per la sua difesa.

Ha quindi ha accusato tutti i governi coinvolti in questo caso non di adottare misure di base per essere rispettare «i più elementari diritti umani e la dignità» di Assange e ha chiesto la cessazione della «persecuzione collettiva» contro di lui, soprattutto da parte

 

Ultime News

Articoli Correlati