Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

La confessione del poliziotto egiziano: “Regeni lo abbiamo rapito e ucciso noi”

Giulio Regeni
Nuovi indizi sulla morte del cooperante italiano trovato morto al Cairo nel 2016
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

«Credevamo che fosse una spia inglese, lo abbiamo preso, io sono andato e dopo averlo caricato in macchina abbiamo dovuto picchiarlo. Io l’ho colpito al volto». Sarebbero le parole che una agente della polizia egiziana avrebbe confidato a un collega nel corso di un meeting internazionale di polizia. La frase sarebbe stata ascoltata da un terzo agente che l’ha riferita alla procura di Roma e pubblicata oggi dal Corriere della Sera.

Insomma, intorno al caso del giovane cooperante italiano trovato morto al Cairo nel gennaio del 2016 si inizia a intravedere un po’ di luce. Secondo il Corriere della Sera, infatti, il testimone della conversazione ha deciso di raccontare tutto agli avvocati della famiglia Regeni i quali hanno immediatamente riferito tutto ai magistrati romani. Sempre secondo il Corriere, “il procuratore di Roma Giuseppe Pignatone e il sostituto Sergio Colaiocco considerano la testimonianza attendibile, logica e congruente con altri elementi acquisiti nell’indagine, per questo nei giorni scorsi hanno inoltrato al Cairo una nuova rogatoria in cui chiedono informazioni che potrebbero fornire ulteriori riscontri”.

Ultime News

Articoli Correlati