Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Assassinato a New York Frank Calì, boss del clan Gambino

Dopo 34 anni la mafia torna a colpire: l’ ultimo padrino a essere ucciso per strada era stato Castellano, nell’ 85 su ordine di John Gotti. Ora tutti temono l’innesco di una sanguinosa guerra tra le famiglie
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

La Mafia italoamericana torna a far scorrere il sangue a nella Grande mela. Trentaquattro anni dopo l’omicidio di Paul Castellano, la famiglia Gambino torna al centro di una faida che potrebbe riaccendere la guerra tra i clan per il controllo dei traffici e del territorio.

L’omicidio di Frank Gambino, 53 anni, davanti la sua casa di Staten Island è la classica scintilla in grado di innescare una catena di vendette e ritorsioni, Calì, ultimo padrino dei Gambino e sposato con una Inzerillo (degli Inzerillo alleati di Stefano Bontade spazzati via da Totò Riina nella seconda guerra di mafia) è stato freddato con diversi colpi d’arma da fuoco partiti da un pick- up dopo che aveva parcheggiato l’automobile.

Portato in ospedale, Calì è stato dichiarato morto pochi minuti dopo. L’ultimo boss a essere ucciso per strada era stato Castellano, nell’ 85, quando su ordine di John Gotti gli spararono mentre si trovava nella bisteccheria Sparks, nel centro di Manhattan. «Una volta i delitti si compivano lontano da casa», ha commentato un investigatore al New York Post.

Calì è stato ucciso, invece, a sud di New York, nell’elegante quartiere di Todt Hill, vicino a casa, violando una regola non scritta della mafia, che vieta le esecuzioni dei boss nella zona di residenza.

La casa si trova a meno di un chilometro da dove aveva vissuto anche Castellano. Un testimone ha parlato di sei-sette colpi di pistola.

Calì aveva aperto il portabagagli del suo suv, quando è arrivata una pick- up di colore blu: dal finestrino sono partiti almeno sei colpi, che hanno raggiunto il boss al petto. Poi l’auto si è allontanata a tutta velocità. «Ho visto molti film di gangster – ha raccontato al New York Post un abitante del quartiere – mai avrei immaginato che ci fosse un mafioso qui». «Non sai mai davvero chi abita accanto a te», ha aggiunto un altro.

 

Ultime News

Articoli Correlati