Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

La Comunità internazionale in campo per Nasrin Sotoudeh «Teheran riveda la sentenza»

L'intervento dell'Unione europea
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

«L’Unione Europea si aspetta un’immediata revisione della sentenza» contro Nasrin Sotoudeh, l’attivista iraniana, nota avvocatessa per i diritti umani e vincitrice nel 2012 del premio Sakharov, condannata per cospirazione contro il sistema ed insulti alla Guida Suprema, Ali Khamenei.

È quanto ha sottolineato in una nota Maja Kocijancic, portavoce della Commissione Europea per gli Affari Esteri. Secondo la portavoce, la recente condanna di Sotoudeh è uno «sviluppo preoccupante» in Iran perché la donna non ha avuto diritto a un «giusto processo».

«L’Unione europea rileva che il diritto a manifestare pacificamente, nonché il diritto ad esprimere un’opinione in modo non violento, sono pietre miliari del Patto internazionale sui diritti civili e politici, di cui l’Iran è parte», si legge nella nota. La portavoce ha chiesto alle autorità della Repubblica islamica anche si riesaminare la condanna a sei anni di carcere comminata a gennaio a suo marito, Reza Khandan. «L’Unione Europea si aspetta inoltre che l’Iran garantisca il diritto di Khandan e Sotoudeh a ricorrere in appello», conclude la nota.

 

Ultime News

Articoli Correlati