Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

«Non ho ucciso nessuno». Il dirigente della Tyssen chiede la grazia

Lo hanno condannato a 6 anni, ma lui lavorava nel marketing
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

La mattina del 14 maggio 2016 l’ingener Marco Pucci si consegnò alle forze dell’ordine. La sera prima la Cassazione aveva confermato la sua condanna a 6 anni per il rogo Thyssen di Torino. Quel giorno Pucci lasciò anche lasciato l’incarico di direttore centrale dell’Ilva. La sua vita da uomo libero, almeno per i successivi sei anni, finiva lì. La notte di nove anni prima, era il 5 dicembre del 2007, era finita la vita dei sette operai Thyssen. Oggi, a distanza di quasi un anno, Pucci chiede la grazia al presidente Sergio Mattarella. Ma i familiari delle vittime rispondono duri: «Ce li hanno ammazzati, non meritano nessun perdono. Semmai lo chiederanno a Dio. Per ora devono stare in galera».

La mattina del 14 maggio 2016 l’ingener Marco Pucci si consegnò alle forze dell’ordine. La sera prima la Cassazione aveva confermato la sua condanna a 6 anni e 10 mesi per il rogo Thyssenkrupp di Torino. Quel giorno Pucci lasciò anche l’incarico di direttore centrale dell’Ilva. La sua vita da uomo libero, almeno per i successivi sei anni, finiva lì.

La notte di nove anni prima, era il 5 dicembre del 2007, era finita la vita dei sette operai Thyssen. Sulla linea di produzione numero 5 un getto di olio bollente investì Antonio Schiavone, Angelo Laurino, Roberto Scola, Rosario Rodinò, Bruno Santino, Rocco Marzo e Giuseppe Demasi. Il processo finì con le condanne dell’Ad della Thyssen Harald Espenhahn ( a 9 anni e 8 mesi), dei dirigenti Gerald Priegnitz ( 6 anni e 10 mesi), Daniele Moroni ( 7 anni e 6 mesi) e Marco Pucci ( 6 anni e 10 mesi). E oggi, a distanza di quasi un anno, Pucci chiede la grazia al presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

In questi anni l’ingegner Pucci ha sempre reclamato la propria innocenza e in una lunga lettera pubblicata da “Fino a prova contraria” scriveva: «Non ho ucciso nessuno: perché ero componente del CdA della Thyssenkrupp Acciai Speciali Terni con deleghe esclusivamente al commerciale ed al marketing. Non ho ucciso nessuno perché le deleghe e responsabilità in materia di produzione e sicurezza sul lavoro erano attribuite all’Amministratore Delegato della società Harald Espenhahn». E l’igegner Pucci conclude: «Non ho ucciso nessuno perché gli stessi parenti delle povere sette vittime, del tragico incendio della notte del 6 dicembre 2007, quando mi recai da loro per portabre il mio cordoglio e quello dell’intera Thyssenkrupp, mi dissero: ingegnere lei non c’entra niente». Ma un familiare di una delle vittime risponde con “durezza” alla richiesta di grazia dell’ingegner Pucci: «Noi non concediamo la grazia a nessuno. E nemmeno lo deve fare il presidente Mattarella», ha detto Graziella Rodino, madre di Rosario, uno dei sette operai morti il 6 dicembre 2007 alla Thyssenkrupp di Torino. «Ce li hanno ammazzati, non meritano nessun perdono. Semmai lo chiederanno a Dio. Per ora devono stare in galera», ha concluso.

Ultime News

Articoli Correlati