Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Hamza Bin- Laden pronto a prendersi al- Qaeda

Secondo gli 007 Usa, il figlio di Osama sta lanciando la sfida all'Isis
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Dopo anni di anonimato ( e apprendistato) ora esce dall’ombra per recuperare la sulfurea eredità del padre Osama bin- Laden, lo sceicco saudita del terrore fondatore di al- Qaeda e per decenni primula rossa del terrorismo internazionale. «La causa della Siria è la causa dell’intera Umma. Per fare in modo che i siriani resistano all’invasore, agli sciiti e all’aggressione internazionale, i musulmani – tutti i musulmani – devono stargli accanto, sostenerli e farli arrivare alla vittoria». Queste le parole, registrate in un file audio pubblicato dai network del jihadismo, pronunciate da Hamza Bin Laden, figlio dell’ideatore dell’attacco alle Torri Gemelle di Manhattan poi ucciso nel 2011 ad Abbottabad, in Pakistan da un commando americano.

Gli esperti del SITE pensano che Hamza Bin Laden, che dovrebbe avere 28 anni, si stia preparando a prendere le redini dell’organizzazione jihadista messa in ombra negli ultimi anni dall’ascesa dello Stato Islamico e in crisi di leadership, considerando lo scarso carisma dello storico luogotenente di Osa- ma, l’egiziano Aymar al- Zawahiri.

Così, sfruttando le sconfitte dell’Isis in Siria e Iraq bin- Laden junior vuole riprendersi l’egemonia del jihadismo globale, riorganizzando milizie e infrastrutture e occupandosi di aumentare i finanziamenti. La scorsa primavera, poco prima dell’attentato di Manchester, al Qaeda ha reso pubblico un file audio in cui Hamza incitava incitava la «umma» ad azioni terroristiche contro «ebrei» e «crociati». Gli storici obiettivi dell’organizzazione: «Siate bravi nella scelta dei vostri bersagli, in modo da arrecare un danno maggiore al nemico», si può ascoltare nei dieci minuti di messaggio, diffuso in arabo e in inglese.

Hamza ha iniziato ad essere attivo nell’orbita del jihadismo attivo dalla morte di suo padre sei anni fa. Secondo l’intelligence americana, era il figlio prediletto di Osama, che lo avrebbe voluto come suo successore e gode di rispetto tra la base del gruppo anche se la sua leadership non è ancora un fatto scontato. Gli esperti hanno iniziato a notare una aumento nel suo attivismo all’interno del movimento negli ultimi 12 mesi e la recente sconfitta militare dell’Isis dovrebbe segnare un passaggio chiave nella sua ascesa.

 

Ultime News

Articoli Correlati