Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Con Paolo Hendel nell’inferno di Sollicciano

L'attore visita domani il carcere fiorentino con Rita Bernardini, l’avvocato Eriberto Rosso della Camera Penale di Firenze, il consigliere comunale fiorentino Tommaso Grassi , il cappellano di Sollicciano don Vincenzo Russo, Massimo Lensi, Grazia Galli, Maurizio Buzzegoli, Roberto Davide Papini, Maurizio Morganti dell’Associazione per l’iniziativa radicale “Andrea Tamburi” e Alessandro Bavasso Mellini dell’Associazione ' Firenze Radicale- per gli Stati Uniti d’Europa'
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Visita ispettiva al carcere fiorentino di Sollicciano per verificare le sue difficili condizioni e portarle a conoscenza al mondo esterno. Domani, la delegazione dell’Associazione per l’iniziativa radicale “Andrea Tamburi” entrerà nel penitenziario per verificare la situazione interna e i problemi da riportare fuori dalle mura del carcere affinché la città ne sia informata e possa contribuire a risolverli. Faranno parte della delegazione, Rita Bernardini della presidenza del Partito Radicale, l’avvocato Eriberto Rosso della Camera Penale di Firenze, il consigliere comunale fiorentino Tommaso Grassi ( gruppo “Firenze a Sinistra”), il cappellano di Sollicciano don Vincenzo Russo, Massimo Lensi, Grazia Galli, Maurizio Buzzegoli, Roberto Davide Papini, Maurizio Morganti dell’Associazione per l’iniziativa radicale “Andrea Tamburi” e Alessandro Bavasso Mellini dell’Associazione ‘ Firenze Radicale- per gli Stati Uniti d’Europa’. Nella delegazione ci sarà anche l’attore toscano Paolo Hendel, che ha spiegato le ragioni della sua presenza: «L’anno scorso a Sollicciano tre detenuti si sono tolti la vita. Oggi nel carcere ci sono circa 680 detenuti mentre la capienza regolamentare sarebbe di 494. Se vado in giro in macchina e mi porto dietro moglie, figlia, i miei due fratelli, la mamma anziana e la badante col marito e il cane, superando il limite massimo di 5 persone, prima o poi un vigile mi ferma e come minimo mi fa una bella multa. Nelle nostre carceri italiane il soprannumero è la norma seppure illegale. Ed è dura anche per chi ci lavora. Per gli operatori ( rieducatori, volontari…) e per gli agenti di Polizia Penitenziaria. Il corpo di Polizia Penitenziaria a Sollicciano è sottodimensionato ( 485 agenti sui 696 previsti dal regolamento). È incredibile che proprio in carcere, giorno dopo giorno, si infranga sistematicamente la legge e che sia lo Stato a farlo!».

La delegazione, inoltre, approfitterà della visita per verificare se sono giunti i 60 ventilatori inviati dalla Regione Toscana per far fronte al caldo che rende il carcere – il cemento armato assorbe e trattiene le ondate di calore – una vera e propria forna- ce. Nei giorni scorsi, ricordiamo, l’associazione radicale fiorentina “Andrea Tamburi” guidata dal radicale Massimo Lensi e il cappellano del carcere, don Vincenzo Russo, avevano sollecitato interventi. La regione Toscana aveva colto l’appello e aveva predisposto l’invio di un centinaio di ventilatori, ma poi era giunto lo stop da parte dell’Amministrazione penitenziaria: le celle sono a bassa tensione e quindi l’impianto non reggerebbe il carico. Dopodiché la regione è riuscita a trovare una soluzione tampone e ha inviato 60 ventilatori compatibili con le caratteristiche dell’impianto elettrico. Ora non resta che vedere, e sarà la delegazione radicale a verificarlo, in che maniera la direzione dell’Istituto li ha collocati.

D. A.

 

Ultime News

Articoli Correlati